Principale Nei bambini

Allergie a candeggiare in piscina

Una visita alla piscina è una componente importante di uno stile di vita sano. Per i bambini, non è solo un'opportunità per imparare come nuotare correttamente in diversi stili o in un modo di realizzazione sportiva, ma anche come allenamento che aiuta il normale sviluppo e l'indurimento generale del corpo. Per gli adulti, allenarsi in piscina è il modo migliore per mantenere la forma fisica al livello adeguato e aumentare l'immunità. Bene, per alcuni, visitare la piscina è una parte obbligatoria del trattamento, della riabilitazione o della prevenzione della malattia.

Tuttavia, lo statistico medico è deludente. Ogni anno cresce il numero di persone di tutte le età, per le quali i sintomi dell'allergia alla candeggina nella piscina sono manifestazioni familiari di intolleranza.

Ci sono modi per sbarazzarsi o prevenire tali reazioni allergiche? Cosa dovrebbe essere fatto per questo? Quali segni dovrebbero prestare attenzione alle persone che visitano la piscina o ai genitori i cui figli nuotano? Dopotutto, un'allergia alla candeggina nella piscina può verificarsi inaspettatamente e praticamente per tutti.

Il vero significato del concetto di "allergia alla candeggina in piscina"

Dovrebbe immediatamente stabilire che l'allergia al cloro è la definizione sbagliata! Perché?

Il cloro, che viene utilizzato nelle piscine sportive per la disinfezione dell'acqua, non appartiene agli allergeni (!), Ma agli irritanti. E, nella stragrande maggioranza dei casi, la concentrazione di reagenti a base di cloro per disinfettare l'acqua nelle piscine approvate da standard sanitari non può causare danni significativi anche in caso di ingestione ripetuta.

Tuttavia, in alcuni casi di inalazione di vapori, il contatto della pelle e delle mucose degli occhi, il cloro può causare vari gradi di gravità, che sono simili nelle loro manifestazioni alle vere reazioni allergiche. Ma perché la polvere decolorante può provocare i veri sintomi delle allergie?

Reagenti di cloro disciolti in acqua - ipocloriti di sodio e sodio - reagiscono con sostanze chimiche presenti nel sudore, nelle urine, nelle cellule morte della pelle e nei capelli. Come risultato, si formano composti specifici - derivati ​​del cloro inorganici di ammoniaca (clorammine) e ammine organiche.

Sono le ammine e le clorammine che sono la vera causa dello sviluppo di allergia all'acqua clorata nella piscina. Contattando la pelle e penetrando il sangue attraverso le mucose, sono in grado di innescare lo sviluppo di specifiche reazioni immunitarie allergiche in risposta al contatto umano con altri veri allergeni: proteine ​​alimentari, polline, polvere e molti altri. La stragrande maggioranza dell'intolleranza all'acqua clorurata nel pool si verifica in persone con bassi livelli di E-immunoglobuline.

Sintomi di allergia alla candeggina in piscina

Prima di considerare possibili manifestazioni allergiche della candeggina, è necessario chiarire che esiste una relazione diretta tra il tempo totale trascorso nel pool e il grado dei sintomi: più è lungo il tempo, più i sintomi sono duri. Inoltre, le manifestazioni nel tempo possono verificarsi sia immediatamente che da remoto.

Segni dal sistema visivamente sensoriale

Quali sono i sintomi più comuni? Il sintomo più comune non riguarda i segni allergici, ma è una conseguenza del contatto meccanico dell'acqua con la sclera e le cornee dei bulbi oculari. L'irritazione che ne deriva sorge immediatamente (durante l'allenamento) e assomiglia a questo:

  • c'è una sensazione di bruciore e la necessità di strofinare costantemente gli occhi;
  • il bianco degli occhi arrossisce un po ', le palpebre si gonfiano.

Le manifestazioni elencate passano in modo indipendente entro 10 minuti dalla fine dell'occupazione. Per quanto riguarda le loro ripetizioni in futuro, nella maggior parte dei casi gli "occhi sono allenati" e l'irritazione che si verifica durante il contatto con l'acqua clorata non si verifica più.

Se pensi che sviluppare un'abitudine per l'azione meccanica dell'acqua sugli occhi non abbia nulla, allora l'unico modo per proteggere i tuoi occhi è nuotare in occhiali speciali.

I sintomi di reazioni allergiche di tipo immediato non si verificano durante le occupazioni in piscina, ma almeno 30 minuti dopo averlo lasciato. Senza la fornitura di assistenza speciale, non passano e appaiono nel seguente ordine:

  1. Gli occhi si stancano rapidamente e cominciano a "piangere".
  2. Una leggera sensazione di bruciore si trasforma in un forte prurito delle palpebre.
  3. Scoiattoli e palpebre arrossiscono.
  4. Le lacrime sono sostituite da secrezioni trasparenti ma mucose.
  5. Il gonfiore della palpebra e dei margini congiuntivali aumenta gradualmente.
  6. L'ipertrofia delle papille si sviluppa nella palpebra superiore e nel follicolo nella palpebra inferiore.

Senza assistenza, dopo 1 o 2 giorni, a causa del fatto che la produzione di liquido lacrimale viene ridotta, si verificano i seguenti sintomi distanti:

  1. Mucose secche.
  2. C'è una sensazione di "sabbia" o "corpo estraneo" negli occhi.
  3. La fotofobia si sviluppa. Voglio essere in una stanza buia.
  4. Quando si spostano i bulbi oculari, appare un dolore tagliente.
  5. Forse una diminuzione dell'acuità visiva.

Poiché tutti i suddetti sintomi ti costringono a strofinare costantemente gli occhi, una possibile complicazione è lo sviluppo di un'infezione secondaria, manifestata come:

  • il muco secreto diventa opaco, con una sfumatura giallo-verdastra;
  • di mattina, negli angoli degli occhi si accumula il pus;
  • le ciglia cadono sulle palpebre inferiori.

Con il prolungato disprezzo dei sintomi, si può formare una goccia palpebrale inferiore.

Manifestazioni nel rinofaringe

I disturbi respiratori sono la forma più grave della risposta del corpo all'acqua clorata nella piscina, dal momento che sono estremamente difficili da trattare.

L'irritazione delle membrane mucose del rinofaringe durante la lezione si verifica anche in un primo momento. Si manifesta disagio o lieve dolore nei passaggi nasali, nella gola e nel palato duro, che devono passare 20-60 minuti dopo la fine dell'allenamento.

Ma le manifestazioni della rinite allergica da candeggina sembrano completamente diverse e possono verificarsi sia negli scenari veloci che lenti dello sviluppo dei sintomi allergici. Ecco alcuni segni di esso:

  • difficoltà a respirare;
  • starnuti parossistici;
  • prurito o solletico al naso;
  • acquoso o mucoso, ma in entrambi i casi abbondante naso che cola, che gradualmente si trasforma in congestione;
  • sviluppa gradualmente un forte gonfiore della mucosa nasale, che diventa una pallida sfumatura bluastra ed è ricoperta da macchie grigio-bianche;
  • infiammazione della pelle delle ali e delle briglie del naso, arrossamento della pelle attorno al naso.

Irritazioni cutanee tipiche

Derma irritazione e / o allergia cutanea da candeggina, prima o poi, ma inevitabilmente si verificano in tutti i regolarmente visitando la piscina, e le prime "vittime" saranno le persone con tipo di pelle secca.

Nelle persone sane, l'irritazione dovuta al contatto prolungato con l'acqua clorata si manifesta generalmente in modo lieve:

  1. La pelle "tira" e prude.
  2. C'è una sensazione di cracking.
  3. Prima di tutto, sono colpite la pelle sotto le ascelle e l'inguine.

Con un'immunità ridotta, si verificano sintomi più gravi, che sono caratteristici della dermatite da contatto:

  1. Grave prurito - prurigo.
  2. Secchezza pronunciata
  3. Il derma diventa rosso e inizia a staccarsi.
  4. Un'eruzione cutanea che non cancella.

La dermatite acuta da contatto può diventare cronica, per la quale esistono:

  1. La secchezza si sviluppa in croste, crepe, scaglie.
  2. La pelle diventa più scura e l'eruzione si trasforma in ulcere ed erosione.

I suddetti segni si riferiscono alla natura meccanica dell'irritazione dal contatto con la candeggina nella piscina. Ma quali sono i sintomi del contatto - dermatite allergica (esogena):

  1. Prurito della pelle, soprattutto in zone coperte da costume da bagno o costume da bagno.
  2. Arrossamento e gonfiore pronunciati.
  3. Quasi immediatamente compaiono papule o vescicole di dimensioni diverse che si aprono spontaneamente lasciando un'erosione piangente.

Il decorso acuto della dermatite atopica è il seguente: rossore => bolle => vescicole => erosione => bucce => peeling.

Per cronica: vescicole => peeling => ispessimento della pelle, alterazione della pigmentazione => auto-lesionare la pelle.

Per differenziare accuratamente la diagnosi tra dermatite da contatto professionale e dermatite allergica da contatto, viene utilizzato un test "patch".

Il cloro ha un effetto negativo sui capelli. Sbiadiscono, si rompono e possono anche cadere. Ma questo problema può essere affrontato solo da coloro che visitano la piscina, in cui è permesso praticare senza una cuffia. Indossarlo preverrà questo problema.

toksikodermiya

Infiammazione acuta della pelle (a volte delle mucose) - tossicoderma o esantema allergico-tossico si verifica a causa dell'ingresso di allergeni nel sangue attraverso le vie respiratorie o quando ingerito. Nella maggior parte dei casi, questa reazione è la quantità di allenatori di nuoto o nuotatori professionisti di alto livello. Sfortunatamente, raramente, ma ci sono ancora casi di tossicoderma su acqua clorata di azione immediata. Questa patologia è caratteristica delle persone che hanno abbassato i livelli di immunoglobuline K e C. Ha i seguenti sintomi:

  • lesioni cutanee localizzate o comuni - orticaria di tipo rash;
  • a volte danno alle mucose;
  • sindrome da intossicazione endogena - a lungo termine;
  • vasculite, nefrite, alveolite, angioedema, shock anafilattico - nei casi più gravi.
Allergie a candeggiare nella piscina del bambino

Prima di tutto, i genitori devono essere consapevoli che qualsiasi allenatore di nuoto è ben consapevole di tutti i sintomi delle allergie emorragiche e, se necessario, non solo rimuoverà il bambino dall'acqua, ma lo porterà anche all'ufficio medico in piscina.

Ma i genitori dovrebbero stare in guardia dopo la scuola. Se i suddetti sintomi di allergia all'acqua clorata vengono rilevati, contattare immediatamente un pediatra, un dermatologo o un allergologo.

Trattamento per l'allergia alla candeggina

La rinite allergica è considerata la manifestazione più grave, praticamente non trattabile. Ma, se il bambino visita la piscina senza fallo (requisito del programma scolastico), non abbiate fretta di andare dal medico per chiedere aiuto. In questo caso, utilizzare la migliore raccomandazione e il metodo di "trattamento": eliminare il contatto con i singoli mezzi di protezione contro l'ingestione dell'allergene. L'uso di mollette e fodere speciali aiuterà a frequentare le lezioni in piscina e altre allergie.

Nasello speciale, tappi per le orecchie, occhialini da nuoto.

Per il trattamento della congiuntivite allergica utilizzata:

  • occhiali da nuoto - prevenire il contatto con l'allergene;
  • gocce con un componente antistaminico topico - alleviare i sintomi nasali.

Se ci sono modi per prevenire l'insorgenza di congiuntivite allergica e rinite, se si sviluppa una dermatite allergica da contatto, si dovrà interrompere l'escursione in piscina.

Il trattamento consiste di:

  • con dermatite umida - medicazioni speciali ad asciugatura umida sulle zone più colpite della pelle, dopo le quali si applica l'unguento ormonale;
  • con una grande quantità di bolle - dopo averle forate, applica le medicazioni con il liquido di Burov, cambiandole ogni 2-3 ore;
  • nei casi più gravi, è possibile assumere pillole ormonali.

Con un trattamento adeguato, la dermatite allergica da contatto regredisce completamente in una, massimo tre settimane. I termini in cui sarà possibile riprendere le escursioni in piscina sono di competenza del medico.

Quando si tratta di toksikodermii, si proibisce anche di visitare la piscina. È prescritto farmaci che rimuovono le tossine dal corpo e ripristinano il lavoro del fegato, dei reni e del tratto gastrointestinale. Ormoni e oratori prescritti dall'esterno contro il prurito. Se la temperatura corporea aumenta, è necessario il ricovero in ospedale.

Raccomandazioni per prevenire l'allergia al candeggio

Ecco alcuni segreti professionali che aiuteranno a ridurre al minimo i rischi di sviluppare allergia alla candeggina in piscina:

  • assicurarsi di utilizzare l'equipaggiamento protettivo;
  • non usare la piscina più spesso 3 volte a settimana, la durata di 1 lezione è di 45-60 minuti;
  • lavarsi accuratamente prima e dopo la lezione;
  • imparare a pulire a fondo i passaggi nasofaringei con acqua corrente e prodotti speciali venduti in reparti specializzati di negozi sportivi;
  • dopo la lezione, asciugare la pelle con la lozione per la pelle secca e applicare una crema speciale;
  • 60-30 minuti prima dell'allenamento, mangiare una barretta di carboidrati alta, quindi non assumere alcun cibo;
  • assicurati di mangiare dopo le lezioni nel range di 45-120 minuti;
  • dopo le lezioni serali andare a letto solo dopo 2-2,5 ore, ma non dopo;
  • prova ad addormentarti sdraiato sulla schiena.
Dove, oltre alla piscina, è possibile affrontare allergie da candeggina

Dovrebbe essere chiarito ancora una volta - il cloro e i suoi composti disinfettanti, per loro natura, non sono allergeni. Pertanto, per affrontare l'allergia alla candeggina è impossibile da nessuna parte. Tuttavia, potresti essere interessato alle seguenti informazioni.

L'allergia all'acqua clorurata utilizzata per scopi domestici, nonché una reazione allergica all'acqua naturale in generale, è chiamata orticaria aquagnum. Questa è una patologia relativamente nuova. Il primo caso è stato registrato nel 1964.

Nonostante la disinfezione dell'acqua con il cloro, rimangono componenti che possono agire da allergeni. Inoltre, i vecchi, "ricoperti di sporcizia", ​​sistemi di approvvigionamento idrico urbano nel processo di trasporto dell'acqua nei nostri appartamenti aggiungono solo la quantità di impurità nocive, con cui la candeggina non può combattere. A proposito, i medici stanno iniziando ad affrontare casi di allergia alle acque del fiume e del mare.

In conclusione, ricordiamo che lo sviluppo di qualsiasi allergia è un sicuro segno di un'immunità indebolita. Pertanto, per liberarsene, è importante non solo conoscere ed eliminare la vera causa, ma anche portare il sistema immunitario del corpo a un livello normale.

Allergia alla piscina del bambino

Il nuoto è uno sport utile. Si indurisce bene, sviluppa i muscoli. Molti genitori danno ai loro figli il nuoto per le migliori intenzioni. Ma a volte una visita alla piscina provoca allergie. Il colpevole è la candeggina, che viene utilizzata per disinfettare l'acqua. Il cloro è un elemento ben noto che è richiesto per l'industria chimica. Cosa fare se il bambino ha iniziato a sentirsi male dopo i trattamenti con l'acqua?

Potrebbe esserci un'allergia alla piscina?

L'allergia al cloro non è spesso una reazione comune. Ma è noto che un qualsiasi elemento chimico o organico può essere un allergene. Pertanto, questa possibilità non dovrebbe essere esclusa. Identificare le allergie alla piscina, ma piuttosto al cloro è molto difficile. I genitori semplicemente non associano una visita alla piscina con il cattivo stato di salute del bambino.

Allergie a candeggiare nella piscina del bambino

L'allergia al cloro non è sempre specifica. A volte non è il cloro a causare la reazione. Quando la candeggina si deposita sulla pelle o sulle mucose, può reagire con le proteine, causando una reazione allergica.

L'allergia al candeggio si verifica spesso nelle persone che lavorano nella piscina. Inoltre, i medici credono che il cloro stesso non sia così pericoloso. Ma i fumi di cloro sono veramente tossici. Naturalmente, nel pool viene calcolato il dosaggio della sostanza per la disinfezione dell'acqua, ma frequenti visite alle allergie possono portare a conseguenze indesiderabili.

Allergia all'acqua nella piscina del bambino

L'allergia all'acqua nella piscina è esclusa. Come affermato sopra, un bambino può manifestare una reazione allergica alla candeggina. La malattia ha un effetto cumulativo e appare solo con visite regolari alla piscina. Inoltre, le allergie possono progredire e quindi sullo sfondo di un allergene, altri appariranno.

Non usare candeggina nella piscina è impossibile. Uccide molti tipi di batteri e infezioni ed è in realtà l'unico mezzo di protezione. Oltre alle allergie, il cloro influisce negativamente sui capelli e sulla pelle. Al fine di evitare la malattia, è possibile scegliere una piscina che utilizza metodi moderni di depurazione delle acque. Di solito vengono utilizzati ultrasuoni e ozono per questo. Ma purtroppo finora ci sono pochissimi di questi pool, anche se in Europa sono passati da tempo a antisettici più sicuri.

Sintomi di allergia all'acqua in piscina

Il cloro non è un allergene comune, quindi l'allergia ad esso può manifestarsi in modi diversi.

Dopo il contatto prolungato con la sostanza, possono verificarsi i seguenti sintomi:

  • Congiuntivite: si verifica più spesso come reazione alla candeggina. Gli occhi cominciano ad annaffiare, prudere e arrossire.
  • Rinite allergica, un altro sintomo comune. Tutto a causa del fatto che il cloro entra nelle mucose.

A causa del contatto con un allergene sulla pelle, possono verificarsi anche eruzioni cutanee sotto forma di dermatite. Può manifestarsi come un prurito e una forte sensazione di bruciore. Nei casi più gravi si possono sviluppare edema laringeo e shock anafilattico.

Allergia dopo piscina

Allergie a candeggiare in piscina, non è una frase, ma un segnale. Osservare alcune misure preventive.

È necessario fare la doccia subito dopo il nuoto. Se il cloro rimane a lungo sulla pelle, i rischi di sviluppare allergie aumentano più volte.

E anche dopo misure preventive, non vale la pena di ritardare una visita dal medico allergologo. Oltre alle misure correttive, può fornire preziosi consigli sulle misure precauzionali. Se un'allergia si è verificata una volta, allora questo non è un motivo di panico. Ma le visite alla piscina dovrebbero essere sospese per un po '. Almeno, fino a quando il medico non avrà sviluppato un quadro completo della malattia.

L'uscita più ottimale e sicura può essere una piscina che utilizza metodi moderni di purificazione dell'acqua. Questo è particolarmente vero per i bambini. Se un'allergia compare una volta, allora può svilupparsi in una forma cronica, quindi non si dovrebbe ritardare la visita dal medico.

I medici non cessano di registrare tutti i nuovi casi delle reazioni allergiche più inattese. In questo caso, la sostanza è cloro. A volte è necessario trattare non solo le allergie e i suoi sintomi, ma anche rafforzare il sistema immunitario. È l'immunità indebolita che consente a tutto il corpo di fallire.

Il bambino ha un'eruzione cutanea dopo la piscina

Allergia alla piscina del bambino

IMPORTANTE! Per salvare un articolo sui segnalibri, premere: CTRL + D

Chiedi al MEDICO una domanda e ricevi una RISPOSTA GRATUITA, puoi compilare un modulo speciale sul NOSTRO SITO, tramite questo link >>>

Reazione allergica alla candeggina in piscina

Il nuoto è uno degli sport più utili che aiuta a migliorare la salute, migliorare la postura, è utile per bambini e adulti.

Ma a volte dopo l'allenamento ci sono sintomi spiacevoli, che possono indicare un'allergia all'acqua clorata nella piscina. Le cause della malattia possono essere diverse, ma il più delle volte si verificano nei bambini, persone con un'immunità indebolita. Quali rimedi possono essere utilizzati per il trattamento? Come ridurre al minimo gli effetti negativi del cloro sul corpo?

Nei casi più gravi, è necessario assumere farmaci corticosteroidi in vari dosaggi. A lungo termine, così come l'auto-trattamento con questi farmaci è inaccettabile a causa del gran numero di possibili effetti collaterali.

I dosaggi e la durata del corso sono determinati da uno specialista. Non dimenticare che il trattamento deve essere completo, quindi, oltre all'uso di farmaci, è necessario effettuare la profilassi, normalizzare la nutrizione e il regime giornaliero e assumere vitamine e agenti immunostimolanti.

Se l'allergia alla candeggina è grave e non diminuisce quando si osservano misure preventive, è molto probabile che si debba astenersi dal nuotare. Tuttavia, in alcune persone, una reazione allergica è temporanea, cioè può verificarsi solo in quei periodi in cui il sistema immunitario è indebolito. Pertanto, c'è un motivo per provare a visitare nuovamente la piscina dopo un corso di procedure di restauro. Se compaiono sintomi spiacevoli in un bambino, è meglio smettere di visitare la piscina per un po '.

Alla fine, un'allergia alla candeggina in piscina non è un ostacolo al nuoto in estate in acque libere.

Aggiungi un commento Annulla risposta

Copyright © Allergia. I materiali su questo sito sono proprietà intellettuale del proprietario del sito Internet. La copia delle informazioni da questa risorsa è consentita solo con il collegamento attivo completo all'origine. Prima di utilizzare i materiali, la consultazione con un medico è obbligatoria.

Sintomi e cause di allergia alla candeggina

Letteralmente dalla prima visita alla piscina, per la disinfezione dell'acqua in cui viene utilizzato il cloro, una persona può sentirsi male: c'è un'eruzione, naso che cola, arrossamento degli occhi, mal di testa e debolezza generale.

Ecco come si manifesta un'allergia alla candeggina.

motivi

L'ipoclorito di sodio (candeggina) è ampiamente usato nella medicina, nella vita e nell'industria. Fa parte di molti prodotti per la casa, utilizzati per sbiancare vestiti, disinfettare articoli per la casa.

Nonostante molti altri metodi più sicuri per la pulizia, l'ipoclorito rimane uno dei mezzi più economici e meno costosi per disinfettare l'acqua del rubinetto e l'acqua della piscina.

Una volta sulla pelle e sulle mucose, la sostanza reagisce con le proteine ​​umane, determinando la formazione di vari composti tossici - potenziali allergeni.

In caso di inalazione prolungata di vapore di cloro, può svilupparsi anche edema polmonare, poiché la materia volatile entra facilmente nell'organismo attraverso il tratto respiratorio superiore.

Il gruppo a rischio per lo sviluppo di questo tipo di allergia include:

  • Atleti la cui attività è legata al soggiorno in piscina;
  • Detergenti per uffici che usano la candeggina per disinfettare pavimenti, pareti e bagni;
  • Professionisti medici;
  • Persone impiegate in lavori che richiedono il contatto con una sostanza irritante (produzione di prodotti chimici domestici, industria tessile, ecc.).

sintomi

Le allergie alla candeggina nella piscina possono manifestare una serie di sintomi spiacevoli dalla pelle, dal tratto respiratorio superiore e dagli organi visivi.

Inoltre, l'orticaria è quasi sempre accompagnata da gonfiore della pelle, che può precedere l'eruzione cutanea, iniziare allo stesso tempo con loro o apparire dopo.

Molto spesso dopo la fine dell'effetto di candeggina sulla pelle, l'orticaria scompare, senza lasciare cambiamenti.

A volte appare una piccola eruzione cutanea pruriginosa.

Dopo un contatto ripetuto, un'allergia può verificarsi a intervalli più lunghi (giorni), poiché il processo infiammatorio si svolge già negli strati più profondi della pelle e richiede tempo per individuare la patologia esterna. Questa condizione è carica dello sviluppo di malattie croniche (eczema, ecc.)

Rash può essere sul viso, arti, busto.

Spesso, gli occhi rossi dopo una piscina sono accompagnati da tosse e secrezione nasale, cioè, ci sono una serie di sintomi.

Le manifestazioni cutanee sotto forma di secchezza, oppressione e desquamazione sono una reazione comune al cloro in acqua e spesso non appartengono a manifestazioni allergiche.

Esiste anche il rischio di sviluppare un grave edema delle membrane mucose della laringe, che può causare soffocamento e provocare la morte. Se sospetti lo sviluppo di angioedema e asfissia, dovresti chiamare un'ambulanza.

Prevenzione e trattamento

L'approccio per eliminare le spiacevoli conseguenze del contatto con la candeggina dovrebbe essere completo.

Per il trattamento di problemi di pelle prescrivere creme speciali a base di ormoni. Rinite e congiuntivite sono trattati con gocce speciali e spray con proprietà antistaminiche.

Per una riduzione generale delle manifestazioni di allergia, gli antistaminici di seconda generazione vengono utilizzati sotto forma di compresse.

Ma tale trattamento è mirato solo a minimizzare i sintomi, quindi la prevenzione ha un ruolo importante nella lotta contro la malattia.

L'allergia alla candeggina, i cui sintomi si sono manifestati dopo una visita alla piscina, è trattata in modo fondamentale - un rifiuto totale di visitare tale luogo. Ma se ciò non è possibile, le conseguenze spiacevoli possono essere ridotte al minimo seguendo le seguenti raccomandazioni:

  • Per proteggere gli occhi è necessario utilizzare occhiali speciali per il nuoto;
  • Prima di nuotare, rimuovere tutti i prodotti cosmetici dalla pelle e le lenti a contatto;
  • Per proteggere i capelli, è necessario indossare sempre un tappo in silicone speciale;
  • Dopo il bagno, fai una doccia calda e lavati i capelli;
  • Dopo la doccia, una crema idratante con estratti di erbe o vitamine dovrebbe essere applicata sul corpo e sul viso senza fallo;
  • Evitare la deglutizione o l'ingestione di acqua con il naso.

Per questo, viene spesso usata una speciale clip da naso;

  • Dopo la piscina è necessario lavare a fondo la cavità nasale, è possibile sciacquarla con acqua normale e irrigare con acqua di mare;
  • La durata della permanenza in acqua non deve superare i 60 minuti, inoltre non dovrebbe essere più di 20 minuti vicino alla piscina per evitare l'esposizione prolungata ai vapori di cloro.
  • Se l'interazione con il cloro è avvenuta nella vita di tutti i giorni (durante la pulizia, il lavaggio) o quando si usa l'acqua del rubinetto, allora nel quadro del primo soccorso è necessario:

    • Sciacquare il luogo di ingresso della sostanza con abbondante acqua pulita e lubrificare con un balsamo idratante;
    • Dopo il lavaggio o la pulizia, aerare la stanza per 30 minuti;
    • Tutte le gru devono essere dotate di filtri che non consentano il cloro e altri composti pericolosi presenti nei tubi.

    In ogni caso, il trattamento di tale allergia dovrebbe essere effettuato da uno specialista che, oltre a prescrivere antistaminici, effettuerà una diagnosi completa del corpo e selezionerà farmaci efficaci.

    Allergie a candeggiare in piscina

    Molti hanno sentito parlare di allergie da candeggina quando visitano la piscina, e alcuni, sfortunatamente, si sono imbattuti di persona.

    I sintomi di tali allergie si manifestano come irritazione degli occhi (arrossamento, gonfiore, bruciore), irritazione della pelle (desquamazione, arrossamento, secchezza) e disturbi dell'apparato respiratorio (naso che cola, starnuti, difficoltà di respirazione). In questo articolo cercheremo di capire un po 'questo problema vitale e dare alcune raccomandazioni, in seguito alle quali è possibile ridurre le manifestazioni di allergia.

    Rash dopo pool

    Domande su eruzioni cutanee dopo il pool

    Molti vanno in piscina. Per gli amanti del nuoto, è l'occasione per nuotare nella stagione fredda, per gli amanti di uno stile di vita sano, questo è un metodo per mantenere il corpo in buona forma, per coloro che vogliono perdere peso è un modo efficace e divertente per perdere chili in più.

    Ci sono persone a cui i medici prescrivono il nuoto terapeutico. I bambini in piscina possono imparare a nuotare, indurirsi e migliorare la loro salute.

    Tuttavia, ogni anno un numero crescente di casi in cui una persona si rifiuta di visitare la piscina a causa di reazioni allergiche al cloro. Principalmente, la reazione si manifesta sotto forma di eruzione cutanea, ma gli occhi, i capelli e gli organi respiratori possono essere influenzati.

    Cosa e perché versare in piscina?

    I servizi sanitari richiedono la decontaminazione obbligatoria delle piscine pubbliche. La clorazione dell'acqua in loro è il metodo più popolare.

    I prodotti a base di cloro sono relativamente economici, facili da usare e uccidono bene la flora patogena. Tuttavia, è dopo la piscina con acqua clorata che il visitatore ha reazioni negative.

    Ma ci sono poche alternative a questo metodo di trattamento delle acque.

    Questi includono ozonizzazione, trattamento con ioni d'argento, luce ultravioletta, ultrasuoni. Sfortunatamente, questi metodi sono efficaci solo per i piccoli stagni, sono insufficienti per grandi volumi d'acqua.

    Rash dopo pool - candeggina?

    Tuttavia, l'opinione che l'allergia si manifesti con il cloro non è del tutto corretta.

    Il cloro non appartiene agli allergeni e, in base alle norme sanitarie del suo uso, non causa alcun pericolo.

    La reazione si verifica su specifici composti formati durante la reazione chimica dei derivati ​​del cloro con sostanze che fanno parte del sudore, dell'urina, delle cellule della pelle e dei capelli. Come risultato della reazione, si formano composti organici - ammine e inorganiche - clorammine. Sono loro che causano reazioni allergiche.

    È interessante notare che, senza "prodotti" umani, l'acqua nella piscina non puzza. L'odore del cloro deriva dall'inquinamento dell'acqua da parte dell'uomo e più inquinamento, più forte è l'odore.

    Perché si verifica un'eruzione dopo una piscina?

    Ci sono molti prodotti chimici domestici che contengono composti di cloro, ma la reazione si verifica più spesso dopo la piscina.

    Questo può essere spiegato dal fatto che tutto il corpo viene a contatto con l'acqua e la durata dell'interazione è piuttosto ampia.

    Si nota che una reazione allergica dipende spesso dal tempo trascorso in piscina, più è grande, più forte è la reazione.

    La cosa brutta è che può verificarsi non immediatamente, ma dopo diverse visite in piscina, quando un sacco di allergeni si è accumulato nel sangue. Quindi liberarsi delle allergie sarà più difficile.

    Sintomi di un'allergia al cloro in piscina

    Al fine di non perdere l'insorgere di una reazione allergica al cloro, è necessario monitorare attentamente le condizioni della pelle, dei capelli, degli organi respiratori. Se si verificano reazioni insolite, è necessario identificare la causa del loro verificarsi, perché le allergie possono verificarsi non solo dopo aver visitato la piscina.

    Se un bambino va in piscina, non dimenticare di ispezionarlo per identificare i problemi nelle fasi iniziali.

    Eruzione cutanea sul corpo, mani o piedi

    Le irritazioni sulla pelle sono quasi inevitabili in tutti i visitatori della piscina, prima di tutto si verificano in persone con pelle secca. Le persone sane hanno lievi segni di lesioni cutanee: si può verificare una sensazione di secchezza, oppressione e screpolature e lieve prurito. Prima di tutto, la pelle è colpita sotto le braccia e all'inguine.

    Con un'immunità ridotta, ci sono già segni di dermatite da contatto: prurito grave, secchezza, arrossamento e desquamazione della pelle, e appare un rash non-rash.

    Se non si interviene, la dermatite da contatto può diventare cronica e quindi i sintomi sono più gravi: l'aridità si trasformerà in squame e crepe e l'eruzione diventerà ulcera ed erosione.

    La dermatite da contatto può svilupparsi dopo 2 settimane di visita alla piscina e può diventare cronica in pochi mesi.

    I sintomi sopra descritti derivano dall'azione meccanica dell'acqua clorata.

    I sintomi di dermatite allergica da contatto sono: prurito della pelle, soprattutto in luoghi coperti da costume da bagno o costume da bagno, arrossamento e gonfiore della pelle, comparsa di bolle di dimensioni diverse, che si aprono spontaneamente e portano all'erosione umida.

    Effetto sugli occhi

    Da irritazione meccanica degli occhi delle mucose, c'è una sensazione di bruciore negli occhi, diventano rossi e si gonfiano. Ma dopo l'allenamento, questi sintomi scompaiono rapidamente, nella maggior parte dei casi nel tempo, gli occhi si abituano e non c'è alcuna irritazione.

    Un'altra cosa - congiuntivite allergica. I sintomi di solito si manifestano mezz'ora dopo l'esercizio. C'è un forte prurito alle palpebre, i loro bordi diventano rossi, il bianco degli occhi diventa rosso e comincia a lacrimare.

    A poco a poco, le lacrime non sono più trasparenti, ma crescono muco e gonfiore delle palpebre. Dopo un giorno, la produzione di liquido lacrimale si riduce e questo porta ad una sensazione di secchezza e "sabbia" negli occhi, quando gli occhi si muovono, il dolore si verifica, la fotofobia appare e l'acuità visiva diminuisce. Successivamente il muco si trasforma in pus, le ciglia delle palpebre inferiori cadono.

    respiro

    Le più intrattabili sono le lesioni dell'apparato respiratorio.

    Quasi tutti si irritano con le membrane mucose del rinofaringe, ma scompaiono entro un'ora dall'allenamento.

    La rinite allergica ha altri segni, possono verificarsi immediatamente dopo un allenamento o dopo un po '. In questo caso, prurito e solletico al naso, starnuti parossistici, naso che cola grave, porta a congestione nasale e difficoltà di respirazione. Poi c'è un forte gonfiore della mucosa nasale, che diventa pallida con una sfumatura bluastra e diventa coperta di macchie, e le ali del naso si infiammano e si arrossano.

    Nei casi più gravi possono verificarsi reazioni anafilattiche e angioedema.

    Come sbarazzarsi di allergie dopo la piscina

    Se si verifica una reazione allergica dopo aver visitato la piscina, deve essere assunto un antistaminico, ad esempio, soprastina o claritina.

    Per il trattamento della rinite allergica e della congiuntivite utilizzare gocce speciali.

    Se si verifica una reazione acuta, chiamare un'ambulanza, è necessario considerare che il medico è il più delle volte in piscina, può aiutare in questo caso e fare un'iniezione di un farmaco antistaminico.

    Se si verificano reazioni allergiche al cloro, è più spesso effettuato un ciclo di terapia speciale in cui un allergene viene introdotto nel corpo in piccole dosi e questo produce resistenza ad esso. Se non aiuta, allora è meglio trovare un pool in cui vengono utilizzati metodi alternativi di disinfezione dell'acqua.

    Misure per prevenire lo sviluppo di allergie dopo il pool

    Molte donne si lavano in piscina con il trucco, questo è inaccettabile, perché

    la reazione dal contatto di cosmetici e candeggina può essere imprevedibile. Pertanto, il trucco deve essere rimosso.

    Per evitare allergie dopo la piscina, assicurarsi di fare una doccia e lavare via i resti di acqua di cloro dal corpo. Dopo la doccia, lubrificare la pelle con latte idratante o lozione.

    È meglio proteggere i capelli con uno speciale cappuccio in silicone, che aiuta a evitare il contatto con l'acqua. Se non si utilizza un cappello, dopo la piscina è necessario lavare i capelli con lo shampoo.

    Gli occhi sono protetti da speciali occhialini da nuoto.

    Devono essere selezionati individualmente in modo che non schiacciano la pelle e, allo stesso tempo, non lasciano passare l'acqua.

    Il naso deve essere risciacquato con uno spray speciale o almeno acqua bollita. Dopo il nuoto, non indugiare in piscina, in modo da non respirare i vapori nocivi e passeggiare all'aria aperta.

    Un bambino può diventare allergico alla candeggina?

    L'allergia al candeggio è una malattia abbastanza comune che si verifica più spesso dopo aver visitato piscine pubbliche.

    Perché c'è un'allergia alla candeggina

    L'aggiunta di cloro alle piscine pubbliche viene effettuata allo scopo di disinfettare l'acqua ed è approvata dai moderni standard sanitari. Il cloro combatte i germi nell'ambiente acquatico e riduce il rischio di infezione con varie infezioni. Oggi non esiste un tale bacino pubblico in cui la disinfezione non viene applicata. Tuttavia, se c'è un alto contenuto di cloro nell'acqua, c'è il rischio di avvelenamento per le persone che nuotano lì, e potresti essere allergico alla candeggina in piscina.

    La medicina moderna afferma che il cloro è una sostanza che non è un allergene in sé. Provoca solo irritazione della pelle, delle mucose e del tratto respiratorio. Quindi può esserci un'allergia alla candeggina? Dopo aver visitato la piscina, i sintomi possono essere molto simili alle allergie. E più spesso e più a lungo una persona è in acqua clorata, più appaiono i sintomi.

    Il cloro entra in una reazione chimica con sostanze che si trovano sulla pelle e sui capelli umani, nel suo sudore e nelle urine, e il risultato di questa reazione può essere dannoso per la salute.

    Sintomi allergici

    L'allergia alla candeggina si manifesta con i sintomi, scoprendo che è necessario il prima possibile per cercare aiuto medico.

    Nei casi più leggeri, può apparire semplicemente una sensazione di oppressione della pelle, specialmente nelle zone dell'inguine e delle ascelle, poiché la pelle è la più sensibile.

    • arrossamento delle proteine ​​degli occhi;
    • bruciore e dolore negli occhi;
    • lacrimazione;
    • perdita di ciglia;
    • gonfiore;
    • visione offuscata.

    Reazione delle vie respiratorie:

    • l'aspetto di una congestione nasale fredda;
    • prurito al naso e alla gola;
    • mancanza di respiro;
    • secchezza in bocca;
    • starnuti;
    • assenza temporanea di odore.

    Quando c'è un'allergia alla candeggina nella piscina, tutti i sintomi elencati possono comparire sia immediatamente che diverse ore dopo il contatto con l'acqua. A volte capita che subito dopo una lezione d'acqua, manifestazioni spiacevoli si facciano sentire solo in una forma leggermente poco appariscente, e dopo poche ore diventano significativamente più forti. Ad esempio, dopo essere usciti dalla piscina, può comparire un piccolo naso che cola e dopo 2-3 ore può manifestarsi edema della mucosa nasale e la sua piena congestione con perdita di odore.

    Se un adulto non riesce a capire se è davvero un'allergia al cloro, allora può controllarlo in un modo semplice. Nuota nel fiume o nel mare. Se questi sintomi, che erano dopo una visita alla piscina, non si sono verificati dopo il bagno in un bacino naturale, questo è il caso dell'acqua clorata.

    L'allergia alla candeggina nella piscina nei bambini appare esattamente la stessa degli adulti, tuttavia, il corpo dei bambini è ancora più suscettibile al verificarsi di irritazione da acqua clorata. I bambini hanno spesso un'eruzione allergica su tutto il corpo dopo aver visitato le piscine. Se gli adulti sono allergici al cloro, possono manifestarsi solo con prurito e arrossamento della pelle, quindi i bambini possono manifestare sintomi come grave desquamazione e persino eczema. Oltre al leggero disagio alla gola che si verifica in un adulto dopo il contatto con la candeggina, il bambino ha spesso una forte tosse secca e la temperatura aumenta in modo significativo. Anche gli occhi dei bambini reagiscono più intensamente, di solito con prurito acuto e aumento della lacrimazione.

    Da quando le lezioni in piscina con i bambini sono diventate molto popolari, tutti i giovani genitori tendono a iniziare le procedure idriche con il loro bambino il prima possibile. In alcuni posti, i bambini sono portati a lezione, anche a partire da tre settimane di età. Le procedure idriche per i bambini sono davvero molto utili e per molti aspetti contribuiscono al loro recupero e sviluppo, ma non dobbiamo dimenticare che i bambini sono la categoria più sensibile agli irritanti e al verificarsi di allergie. Più piccolo è il bambino, maggiore è la probabilità di sintomi di un'allergia alla candeggina.

    Ci sono casi in cui il bambino ha cominciato a soffocare in piscina o ha iniziato a crampi. Se questo accade, dovresti immediatamente cercare l'aiuto dei medici. Pertanto, se i genitori vogliono insegnare ad un bambino ad innaffiare le attività fin dall'infanzia, al fine di evitare allergie, è meglio scegliere una piscina in cui non clorurano l'acqua.

    Per i bambini più grandi, è preferibile iniziare le attività acquatiche in estate o all'inizio dell'autunno, in quanto hanno l'immunità più forte in questo periodo dell'anno, e il rischio di allergie è sostanzialmente inferiore.

    Poiché le manifestazioni di allergia al cloro in un bambino sono molto più forti, è importante riconoscere i sintomi nel tempo e fare di tutto per eliminare conseguenze spiacevoli.

    Complicazioni allergiche

    Ci sono anche complicazioni di allergia alla candeggina contenuta nell'acqua, come angioedema e shock anafilattico.

    L'edema di Quincke è un edema forte e in rapida progressione delle prime vie respiratorie. L'edema si verifica in breve tempo dopo il contatto con acqua clorata. È importante notare i suoi segni in tempo per avere il tempo di assistere.

    Sintomi di angioedema:

    1. grave gonfiore del collo e del viso;
    2. bruciore e dolore nell'area dell'edema;
    3. orticaria;
    4. aumento della temperatura corporea.

    Lo shock anafilattico è la manifestazione più grave di allergia, che minaccia la salute e la vita di una persona.

    Sintomi di shock anafilattico:

    1. arresto cardiaco e mancanza di respiro;
    2. pallore della pelle;
    3. l'aspetto del sudore freddo;
    4. mancanza di coscienza.

    Se noti questi sintomi, dovresti chiamare immediatamente un'ambulanza.

    Metodi di trattamento e prevenzione delle allergie

    In genere, la diagnosi di allergia alla candeggina contenuta nella piscina, nei bambini non causa grandi difficoltà. Ma in caso di dubbio, è indispensabile consultare un medico, che con l'aiuto di test speciali aiuterà a identificare il patogeno che ha portato al verificarsi di allergie.

    Il più delle volte, nell'allergia alla candeggina, viene prescritto un farmaco, il cui scopo è quello di alleviare i sintomi. Antistaminici e ormoni per lo più usati. Tuttavia, solo un medico dovrebbe prescriverli, la selezione indipendente di farmaci anti-allergia e il loro dosaggio possono solo aggravare la situazione.

    Per aiutare il trattamento farmacologico e rimedi popolari applicati. È possibile applicare impacchi alle erbe alle aree interessate con un effetto calmante, nonché assumere tisane e infusi. Ma i metodi tradizionali di trattamento devono anche essere coordinati con un professionista medico.

    La condizione principale per la prevenzione delle allergie è la completa esclusione del contatto del bambino con la sostanza che causa l'irritazione, almeno fino a quando l'aggravamento non è passato.

    Per proteggere gli occhi mentre si è in piscina, è necessario utilizzare occhiali da nuoto. Aiuteranno a evitare il contatto con non solo acqua e cloro in esso contenuti, ma anche con composti volatili nell'aria. Assicurati di rimuovere le lenti prima di visitare la piscina. Se un bambino non vede bene, allora è meglio nuotare in occhiali speciali con diottrie.

    Per proteggere la pelle e i capelli dagli effetti della candeggina, è necessario fare la doccia con il gel o il sapone prima di nuotare in piscina. Mentre sei in acqua clorata, assicurati di essere in una cuffia. Il cappuccio in silicone è adatto a coloro che si immergono spesso, lo stesso, la cui testa rimane sempre in superficie, copricapo in tessuto adeguato. Dopo le lezioni in piscina è anche necessario fare una doccia e lavarsi i capelli. È utile applicare una crema idratante o una crema per la pelle alla pelle. Di norma, queste misure sono sufficienti per far sì che l'allergia alla candeggina compaia sulla pelle il meno possibile.

    Per proteggere le vie respiratorie dagli effetti irritanti del cloro, è necessario assicurarsi che l'acqua della piscina non entri nella bocca e nel naso. Se questo non può essere controllato, in un primo momento è possibile fissare il naso con una clip speciale. Dopo la lezione, è necessario sciacquare il naso con acqua pulita o soluzione salina e andare all'aria aperta il più presto possibile. Qualche volta è permesso effettuare il trattamento sintomatico indipendente con medicine antiallergiche. Speciali gocce o spray possono essere instillati nel naso per alleviare il gonfiore e una pillola con un effetto antistaminico può essere presa prima dell'inizio della sessione.

    Tuttavia, tali attività non dovrebbero essere eseguite frequentemente e si dovrebbe assolutamente consultare il proprio medico in merito all'adeguatezza di tali azioni.

    La medicina moderna usa un tale metodo di trattamento come desensibilizzazione specifica. Allo stesso tempo, una dose molto piccola di una sostanza allergica viene iniettata nel corpo umano per un periodo di tempo. Questo metodo consente all'organismo di adattarsi alla sostanza precedentemente intollerabile.

    Per ridurre la probabilità di sviluppare allergie nei bambini e negli adulti, è necessario seguire semplici raccomandazioni preventive:

    1. è consigliabile scegliere piscine che non aggiungono cloro;
    2. durante la pulizia, sostituire i detergenti e i prodotti per la pulizia con quelli che non contengono candeggina;
    3. trattare l'acqua del rubinetto con un filtro.

    Fortunatamente, oggi in molti bacini ha iniziato a utilizzare altri metodi di disinfezione dell'acqua. Di norma, l'acqua viene disinfettata con un metodo a ultrasuoni o usando l'ozonizzazione. Pertanto, se noti che un bambino è allergico alla candeggina o una volta che lo hai avuto, e i suoi sintomi stanno progredendo ad ogni visita alla piscina, allora dovresti cercare un altro posto dove l'acqua viene disinfettata con metodi moderni.

    Eliminare completamente l'allergia alla candeggina è improbabile, tuttavia, conoscendo i sintomi e i metodi di trattamento di base, è possibile alleviare notevolmente le sue manifestazioni.

    Come superare rapidamente le allergie alla candeggina in piscina ea casa?

    L'ipoclorito di sodio si trova nell'acqua potabile, nei prodotti chimici domestici, nelle medicine, nelle piscine, quindi l'allergia alla candeggina non è rara.

    Una reazione allergica dovuta all'interazione con una sostanza tossica non è solo una patologia professionale. La risposta immunitaria si manifesta a causa di inalazione di vapori, quando la pelle è a contatto con l'allergene e / o ingerita.

    Ho curato le allergie nelle persone per molti anni. Ti dico che, come medico, le allergie e i parassiti nel corpo possono portare a conseguenze davvero gravi se non ti occupi di loro.

    Secondo gli ultimi dati dell'OMS, sono le reazioni allergiche nel corpo umano che causano la maggior parte delle malattie mortali. Tutto inizia con il fatto che una persona ha prurito al naso, starnuti, naso che cola, macchie rosse sulla pelle, in alcuni casi, soffocamento.

    Ogni anno, 7 milioni di persone muoiono a causa di allergie e l'entità del danno è tale che quasi ogni persona ha un enzima allergico.

    Sfortunatamente, in Russia e nei paesi della CSI, le corporazioni farmaceutiche vendono farmaci costosi che alleviano solo i sintomi, dando così alle persone un particolare farmaco. Ecco perché in questi paesi una percentuale così alta di malattie e così tante persone soffrono di farmaci "non lavorativi".

    L'unico farmaco che voglio consigliare ed è ufficialmente raccomandato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità per il trattamento delle allergie è Gistol Neo. Questo farmaco è l'unico mezzo per pulire il corpo dai parassiti, così come le allergie e i suoi sintomi. Al momento, il produttore è riuscito non solo a creare uno strumento estremamente efficace, ma anche a renderlo accessibile a tutti. Inoltre, nel quadro del programma federale, ogni residente della Federazione Russa e della CSI può ottenerlo per 149 rubli.

    Le conseguenze del contatto con la candeggina possono essere aggravate, pertanto, per i primi sintomi di ipersensibilità alla candeggina, è necessario un trattamento urgente.

    Cause di allergia alla candeggina

    La principale causa di allergia alla candeggina è l'insorgenza di una specifica reazione del sistema immunitario. Il processo allergico subisce vari sistemi e organi, a seconda della posizione e della concentrazione della sostanza provocante.

    Le molecole di cloro che si accumulano nel corpo per lungo tempo non possono causare una reazione (allergia latente), ma con ogni successivo contatto con l'allergene compaiono più sintomi allergici.

    Secondo gli standard sanitari ed epidemiologici, l'acqua nel sistema di approvvigionamento idrico e le piscine sono disinfettate con candeggina. Spesso è l'acqua clorata che provoca lo sviluppo di allergie.

    I vapori di cloro nella stanza pulita vengono inalati e agiscono sugli organi respiratori. Oltre alla distruzione dei microbi, la polvere decolorante influisce negativamente sulla pelle, sulle mucose, sugli organi respiratori umani.

    Sintomi di allergia alla candeggina nei bambini

    Persone a rischio di aumento dell'allergia alla candeggina:

    • bambini;
    • operatori sanitari;
    • detergenti per ambienti;
    • nuotatori;
    • persone che lavorano nel settore industriale.

    Provata! L'ipoclorito di sodio non è un allergene, ma quando interagisce con la pelle, le mucose, gli organi dell'apparato respiratorio o digestivo, la congiuntiva oculare, alcune proteine ​​reagiscono con la candeggina, causando sintomi allergici. Tuttavia, i segni di ipersensibilità sono provocati non dalla polvere decolorante, ma dall'evaporazione di una sostanza.

    Sintomi di allergia

    I sintomi allergici dovuti al contatto con la candeggina variano a seconda di come l'allergene penetra nel corpo. A volte un'allergia si manifesta con una leggera eruzione cutanea, ma spesso una reazione allergica a una sostanza tossica richiede un'azione immediata.

    La polvere decolorante ha spesso un effetto negativo sulle mucose del naso e degli occhi, con conseguenti evidenti manifestazioni di rinocongiuntivite allergica con sintomi quali:

    • lacrimazione;
    • iperemia ed edema della congiuntiva;
    • sensazione di sabbia negli occhi e secchezza della mucosa;
    • attacchi di starnuti;
    • scarico nasale mucoso chiaro o congestione secca;
    • insopportabile prurito mucoso.
    Lacerazione da allergia alla candeggina

    Quando il vapore di cloro entra negli organi respiratori, iniziano i sintomi:

    • tosse soffocante;
    • attacchi d'asma, a volte con l'apparizione di formazioni erosive;
    • dermatite allergico-tossica (quando il cloro entra nel corpo attraverso la via ematogena) con grave prurito, eruzioni simmetriche e grave iperemia cutanea.

    Quando la pelle interagisce con la candeggina, l'allergia si manifesta con dermatite da contatto:

    • arrossamento della pelle;
    • secchezza, desquamazione dell'epidermide;
    • eruzione bolla o papulare;
    • sensazione di prurito;
    • il contatto ripetuto con la candeggina provoca eczema.
    Allergia alla candeggina sotto forma di dermatite da contatto

    L'allergia si verifica istantaneamente dopo il contatto con una sostanza tossica, anche con una bassa concentrazione di antigene. L'infiammazione è localizzata nel punto di contatto con l'allergene.

    L'allergia alla candeggina si manifesta anche sotto forma di orticaria, accompagnata da forte prurito, vesciche.

    Se il cloro viene ingerito, le allergie si manifestano con i sintomi dei disturbi digestivi:

    • dolore epigastrico;
    • periodi di nausea, vomito;
    • sgabello irritato - diarrea o difficoltà a urinare;
    • disturbo del ritmo cardiaco;
    • abbassando la pressione sanguigna.

    Attenzione! Le manifestazioni più pericolose di allergie - angioedema e shock anafilattico. Quando i sintomi di orticaria gravemente grave con gonfiore delle membrane mucose e della pelle, prurito intollerabile, segni di edema laringeo con asma e broncospasmo devono chiamare immediatamente la squadra dell'ambulanza - lo stato è irto di morte.

    Trattamento per l'allergia alla candeggina

    I test di laboratorio sono condotti per identificare le allergie, tra cui:

    • test allergologici;
    • esami generali del sangue e delle urine.
    Test di allergia al cloro

    All'esame, il medico raccoglie l'anamnesi dalle parole del paziente, durante le quali risulta che l'allergia ha avuto inizio dopo il contatto con una sostanza irritante, pertanto è necessario interrompere i sintomi di ipersensibilità.

    Aiuto! Quando viene stabilita la causa dell'allergia al cloro, è necessario prima di tutto eliminare il contatto con l'allergene. Utilizzare prodotti privi di cloro per la pulizia e il lavaggio, non visitare la piscina, evitare condizioni di lavoro dannose. Se durante il lavoro è impossibile evitare sostanze clorurate, è necessario proteggersi dagli effetti tossici: aerare più spesso la stanza, lavorare con guanti in lattice e una maschera per evitare l'inalazione dei vapori della sostanza tossica.

    Non tutti si rivolgono a uno specialista se sono allergici a una sostanza tossica. Ma se i segni di allergia compaiono periodicamente e sono accompagnati da un peggioramento sotto forma di malessere, diminuzione delle prestazioni, aumento della temperatura, è necessario contattare immediatamente un allergologo o un terapeuta locale.

    Pronto soccorso per le allergie

    Il primo soccorso consiste nelle seguenti attività:

    1. Lavare il luogo di contatto con l'allergene con acqua corrente tiepida;
    2. Bagnare la pelle con un asciugamano pulito e asciutto, spazzolare con una crema rigenerante;
    3. Ventilare la stanza da fumi tossici, uscire.

    Per la dotazione delle condizioni del paziente, viene prescritto un trattamento farmacologico in base alla gravità dell'allergia. La terapia è prescritta esclusivamente da un medico, l'autotrattamento è pericolosamente un peggioramento dei sintomi.

    Il rilascio di farmaci antiallergici soppressi di istamina liberi sotto forma di pillola, sotto forma di soluzioni e iniezioni:

    Manifestazioni cutanee di allergia eliminano pomate, gel, creme con azione antinfiammatoria non steroidei:

    • Gistan;
    • Vundehil;
    • Desitin;
    • solkoseril;
    • Aktovegin.
    Trattamento di allergia al cloro

    In assenza di effetti, vengono prescritti preparati locali di corticosteroidi a seconda del grado di lesione cutanea:

    1. Unguenti ormonali con un effetto debole a breve termine - Prednisolone, Idrocortisone, Diperzolone;
    2. Corticosteroidi con esposizione moderata - Afloderm, Latikort, Lorinden, Prednicarbat;
    3. Droghe potenti - Elokom, Kutivate, Advantan, Sinaflan, acriderm;
    4. Unguento con un'azione ormonale pronunciata - Dermoveyt, Galcinonide.

    Per alleviare i sintomi di rinite allergica e congiuntivite nasale e colliri sono usati:

    Importante sapere! Oltre ai metodi tradizionali di trattamento, i medici prescrivono la medicina tradizionale. I preparati a base di erbe non trattano le allergie, ma nel complesso supportano l'immunità, leniscono la pelle e alleviano i sintomi allergici. Brodi, lozioni, bagni, infusi e compresse di camomilla, calendula, corteccia di quercia, achillea e altre piante medicinali aiutano a far fronte al prurito della pelle, aiutano a ridurre le eruzioni cutanee. Ricorda: anche le erbe medicinali sono considerate allergeni, quindi vengono utilizzate solo in base alle prescrizioni mediche. In caso di allergia cronica, la medicina tradizionale deve essere sospesa.

    prevenzione

    Se sei suscettibile alle allergie, devi limitare i potenziali effetti degli allergeni sul corpo. La candeggina è una sostanza tossica, quindi dovresti stare attento non solo alle persone con allergie, ma anche alle persone che non sono inclini alle risposte immunitarie del corpo.

    Se è impossibile eliminare completamente l'allergene, provare a ridurre al minimo l'interazione con la candeggina.

    Sintomi di allergia alla candeggina dopo la piscina

    Misure preventive per evitare l'allergia alla candeggina:

    • non lavare sotto l'acqua del rubinetto per più di tre minuti;
    • dopo la piscina è necessario fare la doccia o scegliere la piscina in cui l'acqua viene trattata non con cloro, ma con ozonizzazione o ultrasuoni;
    • pulire e lavare le stoviglie usando solo guanti di gomma;
    • mettere filtri di pulizia per l'acqua del rubinetto o bere solo acqua distillata o di pozzo;
    • evitare la pulizia e detergenti contenenti candeggina, sostituire con prodotti più sicuri;
    • ventilare la stanza più spesso quando si interagisce con la candeggina.

    La polvere decolorante è una sostanza tossica che viene aggiunta all'acqua del rubinetto, alle piscine, ai prodotti per la pulizia e ai detergenti. Aderire a misure preventive per eliminare la presenza di cloro nella vita di tutti i giorni, perché è meglio prevenire lo sviluppo di allergie che curare il processo infiammatorio.

    video

    Storie dei nostri lettori

    Ho salvato mia figlia di tre anni dalle allergie. È passato mezzo anno da quando ho dimenticato i terribili sintomi delle allergie. Oh, quanto ho provato di tutto - ha aiutato, ma solo temporaneamente.

    Quante volte sono andato con mia figlia in clinica, ma ci sono stati prescritti ripetuti farmaci inutili, e quando siamo tornati i dottori hanno semplicemente fatto spallucce.

    Infine, mia figlia non ha un solo segno di allergia, e tutto grazie a questo farmaco. Chiunque abbia un'allergia da leggere deve! Dimenticherai per sempre questo problema, come ho dimenticato anche io!

    Per Ulteriori Informazioni Sui Tipi Di Allergie