Principale Trattamento

Qual è l'allergia pericolosa durante la gravidanza

Anche una leggera allergia durante la gravidanza colpisce il corpo di una donna e il feto. La malattia è particolarmente pericolosa nelle prime settimane, poiché i tessuti e i sistemi corporei cominciano a formarsi e la placenta non è ancora in grado di proteggere completamente contro le influenze negative dall'esterno. Nel 2 ° e 3 ° trimestre di gravidanza, la malattia non ha un effetto grave sul feto, gli antigeni non possono penetrare nel guscio circostante.

La cattiva salute di una donna influisce sulla salute del bambino. E l'assunzione di farmaci senza il controllo di un medico provoca malformazioni fetali e può causare aborto spontaneo.

Che cosa causa allergie nelle donne in gravidanza

Provoca allergie - molte

Quando c'è un'eruzione cutanea sul volto, una forte scarica dai genitali, un naso che cola o occhi rossi, è necessario contattare un ostetrico-ginecologo. L'allergia è raramente priva di causa, più spesso ci sono catalizzatori del processo. Il problema è spesso causato da farmaci:

  • la penicillina;
  • aspirina;
  • ibuprofene;
  • magnesia;
  • utrozhestan;
  • Femibion;
  • fraxiparine;
  • Duphaston;
  • jodomarin;
  • Acido folico;
  • Farmaci anticonvulsivanti.

I problemi di gravidanza sono causati da allergeni domestici - peli di cani e gatti, prodotti chimici, muffe, scarafaggi, insetti, fumo di sigaretta, polvere. Sotto l'influenza della maggiore sensibilità del corpo femminile durante la gravidanza, possono iniziare le allergie al sole, che si manifesta con tumori sul corpo, come nella foto. La malattia durante la gravidanza si verifica a causa della reazione al polline di erbe, erbe infestanti, arbusti e cereali durante la fioritura.

Le allergie alimentari che si verificano a causa dell'intolleranza alimentare sono comuni. Più spesso, i colpevoli sono gamberetti, miele, cioccolato, noci, agrumi, latte, pesce, salmone, soia, uova, prugne, banane, mele, zucchine. A seconda dell'organismo, il problema può apparire anche a causa del pomodoro, del pepe, dell'anguria (agosto - settembre).

Sintomi allergici

I sintomi della malattia si manifestano nel sistema digestivo, nel tratto respiratorio, sulla pelle. Dipendono da quali allergeni causano il problema. I seguenti segni sono noti durante la gravidanza:

  • starnuti e tosse persistenti;
  • mancanza di aria, mancanza di respiro;
  • nausea, vomito;
  • intorpidimento o formicolio della lingua;
  • eruzione cutanea sull'addome, mani, viso, gambe;
  • desquamazione della pelle, forte prurito;
  • naso che cola costante, secrezione nasale.

A volte alle donne sembra che sia passata l'allergia, ma presto ricompaiono i sintomi. L'opzione peggiore è lo shock anafilattico, che può portare alla morte della madre e del feto. Si manifesta con le seguenti caratteristiche:

  • gonfiore della gola e della lingua;
  • crampi addominali;
  • eruzione cutanea, prurito, arrossamento della pelle;
  • bassa pressione sanguigna;
  • impulso appena percettibile;
  • grave debolezza;
  • perdita di coscienza;
  • dolore durante la deglutizione.

È urgente chiamare un'ambulanza. Richiede specialisti di intervento chirurgico.

Orticaria durante la gravidanza

Come distinguere le allergie dai raffreddori durante la gravidanza

La reazione del corpo alla polvere o al cibo può essere confusa con ORZ. Allo stesso modo, l'allergia può essere determinata solo da un medico. Ma al fine di pre-identificare la causa degli occhi rossi, naso che cola e avventato, è necessario ricordare le tue azioni a queste manifestazioni.

Quando una donna ha avuto freddo per un lungo periodo o ha bagnato i suoi piedi, è possibile che abbia avuto un raffreddore. Se le spiacevoli reazioni erano state precedute dalla pulizia dell'appartamento o da una passeggiata nel parco tra una grande quantità di vegetazione, forse era iniziata un'allergia. In questo caso, la donna non perde l'appetito e durante il raffreddore spesso non ha voglia di mangiare affatto.

Assegna gocce di Acquamarina

Trattamento delle allergie nelle donne in gravidanza nelle prime fasi e nel 2 ° e 3 ° trimestre

I primi mesi dopo il concepimento, non è consigliabile assumere farmaci, poiché durante questo periodo il feto in via di sviluppo è particolarmente vulnerabile. Trattare le allergie durante la gravidanza dovrebbe essere sotto la supervisione di uno specialista che sa cosa fare. Il medico prescriverà farmaci se l'effetto benefico previsto della terapia è superiore ai rischi per il feto.

Nelle prime settimane di gravidanza ha prescritto gocce di allergia al naso Salin, Aquamaris. Physigel e unguento di zinco sono prescritti per eruzioni cutanee ed eczema. Quando le allergie alimentari possono essere salvate carbone attivo, Enterosgel.

Nel secondo trimestre di gravidanza, la placenta è già formata, quindi protegge in modo affidabile il bambino dall'influenza dei farmaci. Se il peggioramento delle allergie è iniziato, puoi assumere antistaminici (feniramina, diazolina), ormoni (desametasone, prednisolone). Segni di patologia riducono la crema sulla base delle vitamine B12 e C.

Con l'insorgenza di allergie nelle ultime settimane di gravidanza, l'elenco dei farmaci approvati si espande. A una donna possono essere dati antistaminici sicuri di una nuova generazione. Consentito di bere da allergie Fenistil, Polysorb, Fexadin, Zyrtec, gocce Nazaval.

Un certo numero di farmaci è severamente proibito in qualsiasi trimestre. Le sostanze tossiche eliminano le manifestazioni di allergia, ma allo stesso tempo hanno un effetto negativo sul feto. Ad esempio, Suprastin, Zodak, Xizal, Dimedrol Astemizol, Pipolfen, Terfenadina.

È vietato usare Suprastin e altri.

Se dopo aver assunto droghe durante la gravidanza, le manifestazioni della malattia non sono diminuite, la plasmaferesi può essere utilizzata in consultazione con il medico. Con questo metodo, è possibile purificare il sangue in caso di allergie e quindi eliminare le reazioni. La procedura è consentita anche con un fattore Rh negativo.

Cibo gravido di allergie

La malattia può causare qualsiasi piatto se la donna ha una intolleranza individuale a qualsiasi ingrediente. Tuttavia, i medici hanno identificato un elenco di prodotti che provocano allergie. A volte basta mangiare un bel po 'per essere coperto da un'eruzione cutanea.

Le donne incinte devono essere più attente con il grano saraceno e il porridge di mais, i prodotti di grano, frutta e bacche (ribes, mirtilli rossi, mirtilli rossi, banane), piselli e patate. Non è raccomandato usare piatti esotici che la donna non ha provato prima del concepimento. Il rischio di allergie pongono i seguenti prodotti:

  • miele;
  • noci;
  • pomodori;
  • acetosa;
  • caviale, frutti di mare;
  • albumi d'uovo, latte;
  • cioccolato;
  • caffè, tè nero;
  • piatti salati, piccanti, grassi, affumicati.

Rimedi popolari per le allergie durante la gravidanza

In qualsiasi momento è impossibile combattere la malattia a casa senza il consenso del medico. Usare mezzi fatti da sé è permesso solo in combinazione con medicine. Gli ingredienti utilizzati possono aggravare la reazione.

Quando l'eruzione cutanea sul corpo aiuta bene decotto di ortica, successione, camomilla (1 cucchiaio per litro d'acqua). È necessario inumidire una benda pulita nel liquido e ogni giorno fare alcune lozioni per 30 minuti. Aiuta il bagno con l'aggiunta di 2 cucchiai. l. decotto della corda, corteccia di quercia o camomilla.

Con l'apparenza della rinite, il succo di Kalanchoe, l'aloe vera o l'acqua con sale marino è efficace. È necessario più volte al giorno scavare queste medicine fatte in casa in ogni narice. Lo strumento elimina le secrezioni e asciuga la mucosa.

Consultare un medico

Il bambino sarà allergico

Non è garantita al 100% la trasmissione della malattia da madre a figlio. Tuttavia, le sue probabilità sono più alte nel futuro di soffrire di reazioni negative del corpo.

Può colpire il bambino

Le allergie possono causare l'aborto mancato

Sì, se una donna vedesse in modo incontrollabile le droghe pericolose per il feto.

Non prendere medicine fuori controllo.

Recensioni

Durante la seconda gravidanza, una eruzione improvvisamente apparve su tutto il corpo e lo stomaco fu molto pruriginoso. Il dottore prescrisse diazolin e gocce nasali. Ha aiutato e, grazie a Dio, non ha influenzato mio figlio.

Da bambina, ho sofferto di allergie alimentari, ma sono riuscito a riprendermi, e ad 1 mese questa terribile eruzione è ricomparsa, il moccio è costantemente fluito. Volevo comprare di nuovo Suprastin, ma il medico lo proibì severamente. Acquamarina e unguento di zinco sono stati salvati con gocce.

Allergia alla gravidanza

La gravidanza influisce su tutti i processi nel corpo di una donna. I cambiamenti influenzano il sistema immunitario, che può portare a interruzioni nel suo lavoro e immunosoppressione. In questo contesto, aumenta il rischio di sviluppare una nuova e la recidiva dell'allergia esistente nella futura mamma. L'allergia alla gravidanza si verifica nel 30% delle donne.

Peculiarità di allergia durante la gravidanza

Le malattie allergiche raramente appaiono nelle donne in una posizione interessante per la prima volta. Molte future madri in questo momento sono già consapevoli della "loro" intolleranza ad alcuni allergeni e dei sintomi che causano la malattia, ma ci sono delle eccezioni. La gravidanza può essere un catalizzatore specifico che può esacerbare il problema.

L'immunità della futura madre lavora con una doppia forza, quindi può reagire in modo imprevedibile a qualsiasi allergene. Quindi, quali allergeni dovrebbero essere temuti durante la gravidanza?

I principali allergeni includono:

  • polvere;
  • piante di polline e di ambrosia;
  • peli di animali domestici;
  • farmaci;
  • determinati alimenti, spesso additivi chimici;
  • ingredienti di alcuni cosmetici;
  • freddo;
  • la luce del sole.

Ci sono anche fattori predisponenti che aumentano il rischio di una reazione allergica:

  • stress cronico;
  • difesa immunitaria indebolita;
  • trattamento incontrollato con vari farmaci;
  • frequente contatto con prodotti chimici domestici;
  • indossare abiti sintetici;
  • abuso di trucco;
  • inosservanza delle raccomandazioni per una corretta alimentazione;
  • consumo smodato di alimenti che sono potenziali allergeni;
  • situazione ecologica sfavorevole.

Tipi di allergie alla gravidanza

Le allergie durante la gravidanza sono dei seguenti tipi:

  • Rinite allergica Si verifica con abbondanti secrezioni nasali, costante starnuti e prurito, congestione nasale. Un naso che cola può innescare la fioritura stagionale delle piante, particelle di peli di animali domestici e polvere domestica. Inoltre, la causa di questa rinite a volte è tossicosi nelle donne in gravidanza.
  • Congiuntivite allergica. Si manifesta con abbondante lacrimazione, fotofobia, iperemia corneale. La rinite e la congiuntivite sono di solito combinate tra loro, cioè vengono diagnosticate simultaneamente. Le ragioni sono generalmente le stesse della rinite allergica.
  • Orticaria, dermatite La malattia è caratterizzata da eruzioni cutanee, arrossamento e gonfiore della pelle, prurito doloroso. L'immagine esterna della patologia ricorda un'ustione di ortica. Tipicamente, la reazione avviene localizzata, nel punto di contatto con un potenziale allergene. Ad esempio, un'allergia sul viso durante la gravidanza è spesso il risultato di intolleranza ad un particolare cosmetico.
  • Quincke gonfiore. La patologia colpisce le palpebre, le labbra, la lingua e il tratto respiratorio superiore. La malattia si sviluppa rapidamente e improvvisamente. Il più grande rischio è l'edema della laringe e della trachea, a seguito del quale la funzione respiratoria può essere compromessa. A volte l'angioedema colpisce i tessuti delle articolazioni, causando disturbi del dolore e della mobilità e degli organi digestivi in ​​essi, a seguito del quale la donna può lamentare dolori addominali, segni di ostruzione intestinale.
  • Shock anafilattico. La forma più grave di allergia, che si verifica con un cambiamento di coscienza e un calo della pressione sanguigna. In assenza di un'adeguata assistenza, una donna può morire. Lo shock anafilattico si sviluppa entro un'ora dall'incontro con l'allergene. I provocatori di questa condizione possono essere polline delle piante, droghe e cosmetici.

Impatto sull'allergia al feto

Qualsiasi cambiamento dello stato di salute disturba la futura mamma. Soprattutto quando si tratta della prima gravidanza. Se, prima dell'inizio della gravidanza, una donna potesse acquistare qualsiasi farmaco per curare i sintomi di allergia in una farmacia, ora deve pensare alla salute del feto e al modo in cui questo o quel farmaco influenzerà il suo sviluppo. Ciò significa che le pillole di allergia durante la gravidanza dovrebbero essere prescritte da uno specialista.

Si scopre che le allergie sono pericolose perché possono essere ereditate. Tuttavia, questo non accade in tutti i casi. A volte il vantaggio è vinto dai geni del padre.

Più in dettaglio per considerare una situazione quale influenza su una frutta su trimestri è resa da un'allergia a gravidanza, è possibile nella tavola.

Inoltre, le allergie alla gravidanza possono causare complicazioni nella salute di una donna. La rinite allergica alla banana può causare attacchi di asma bronchiale e shock anafilattico che interferiscono con la normale respirazione. La mancanza di ossigeno può causare lo sviluppo di ipossia fetale. La stessa cosa accade con un raffreddore, debolezza, tosse di una donna - il futuro bambino avverte tutti i cambiamenti nel suo corpo e ne influenzano lo sviluppo.

Cosa fare se compaiono sintomi di allergia?

È importante ricordare che una reazione allergica nelle donne in gravidanza è a volte una risposta del tutto normale del sistema immunitario, come segno di intolleranza a un nuovo prodotto o sostanza chimica. Ad esempio, una donna ha acquistato una crema per il viso che non aveva mai usato prima. In questo caso, il corpo potrebbe rispondere in modo inadeguato al componente che fa parte della crema, che prima non gli era familiare. Di conseguenza, c'è una leggera allergia, che passa senza alcun intervento abbastanza rapidamente.

La situazione più difficile appare con i sintomi che si sono verificati prima e manifestati durante la gravidanza nel corpo di una donna. Questo caso richiede le seguenti azioni:

  1. Contatta un allergologo. Se compaiono sintomi di allergia, prima di tutto, devi scoprire la loro fonte e diagnosticare il problema. Uno specialista prescrive misure diagnostiche per una donna - in genere test cutanei o esami del sangue per allergie.
  2. È ora di iniziare il trattamento. L'allergia, che si manifesta sullo sfondo del trasporto di un bambino, è complicata dal fatto che non è possibile bere tutti i medicinali che vengono venduti in farmacia. Prescrivere un trattamento per le allergie durante la gravidanza può essere solo uno specialista che decide quali farmaci saranno sicuri per la futura madre e suo figlio.
  1. Evitare il contatto con allergeni noti.
  2. Rifiutare l'uso di prodotti potenzialmente allergici, come cioccolato, agrumi, ecc.
  3. Per la cura del viso e del corpo, scegli solo cosmetici naturali.
  4. Contatto limite massimo con prodotti chimici domestici.

diagnostica

Le misure diagnostiche includono:

  • un esame del sangue per determinare il titolo totale di immunoglobuline E e anticorpi contro gli allergeni;
  • test allergologici cutanei;
  • studio della storia della malattia;
  • registrare i dati in un diario alimentare, se si sospettano allergie alimentari durante la gravidanza.

Come trattare le allergie?

Le misure preventive aiuteranno a ridurre il rischio di sviluppare la malattia. La futura mamma non è gradita al contatto con detergenti sintetici, a mangiare prodotti potenzialmente allergici, a ridurre al minimo l'uso di cosmetici. Inoltre, per prevenire lo sviluppo di allergie, una donna dovrebbe evitare i fattori di stress, sia mentali che fisici.

Se non riesci a proteggerti dalle allergie, con le sue manifestazioni iniziali dovrebbe cercare aiuto medico. Solo un medico sulla base di un esame completo può determinare con precisione le cause della malattia, una sostanza irritante specifica e dire come trattare le allergie.

L'allergia nelle prime fasi della gravidanza si sviluppa più spesso, ma l'uso di droghe in questa fase è altamente indesiderabile. Se una donna ha reazioni allergiche al polline, dovrebbe rimanere a casa ogni volta che è possibile, indossare occhiali da sole e una mascherina medica prima di uscire, lavare i vestiti e lavare le scarpe dopo una passeggiata.

Trattamento della rinite allergica Spray nasali e gocce, prescritti per il trattamento della rinite ordinaria, migliorano la salute e la rinite allergica. I migliori farmaci per l'allergia per le future mamme sono prodotti naturali a base di acqua di mare. Possono essere gocce di Aqua Maris, spray Dolphin, Aqualor, ecc. Le preparazioni elencate sopra liberano la cavità nasale, eliminando gli allergeni dalla membrana mucosa, normalizzano la respirazione nasale senza danneggiare il feto.

Oltre a questi farmaci, per la rinite allergica, le donne incinte possono usare i seguenti farmaci anti-allergia:

  • Gocce di Pinosol di origine naturale, che includono oli di eucalipto e menta piperita: il farmaco ammorbidisce la mucosa nasale, aiuta ad alleviare il suo gonfiore, rendendo più facile sentirsi allergici;
  • Spray Prevalin - questa medicina forma un film invisibile sulla mucosa nasale, neutralizzando l'effetto degli allergeni;
  • Gocce saline - un farmaco fatto sulla base di cloruro di sodio, la sua azione principale - la pulizia sicura della cavità nasale da potenziali irritanti.

Trattamento della congiuntivite allergica. Per instillare nell'occhio le gocce di Innoks, che contengono solo ingredienti naturali.

Trattamento di prurito, eruzioni cutanee, desquamazione. Unguento da allergie durante la gravidanza aiuta a liberarsi delle reazioni sulla pelle - eruzioni cutanee, dermatiti. Per le future mamme, l'unguento di zinco, che asciuga la pelle, sarà il più sicuro, rimuovendo con successo l'infiammazione e la comparsa di allergie. Un'alternativa all'unguento di zinco può essere Zindol, che è a base di ossido di zinco.

Efficace anche contro reazioni allergiche cutanee pomate e creme con estratti di piante medicinali. Ad esempio, un unguento contenente calendula, camomilla, celidonia, ecc. Puoi acquistarli in farmacia.

Se stiamo parlando di dermatite atopica, allora Physiiogel si è raccomandato bene. Viene applicato sulle aree della pelle danneggiate da infiammazione e graffi con uno strato sottile. I mezzi bene idrata la pelle, contribuendo alla sua rigenerazione. Può essere usato per il viso, come crema per le allergie durante la gravidanza.

Trattamento di allergie alimentari e farmacologiche. Il trattamento principale di queste condizioni, che ha un effetto positivo sul benessere della futura mamma, è quello di purificare il corpo. Tipicamente, questo tipo di allergia si verifica con segni clinici di orticaria e altre eruzioni cutanee. Pertanto, la prima cosa da fare è eliminare potenziali sostanze irritanti dal consumo e quindi ripulire il corpo con l'aiuto di farmaci come Enterosgel e Lactofiltrum.

In caso di grave reazione allergica, se l'allergia cutanea è accompagnata da forte prurito e disagio, è possibile bere un doppio dosaggio di qualsiasi sorbente (carbone attivo, ecc.). La quantità del farmaco dipende dal peso della futura madre: 1 compressa è progettata per 5 kg di peso corporeo.

Antistaminici durante la gravidanza

Questo articolo deve essere considerato separatamente, perché l'assunzione di farmaci per le allergie durante la gravidanza è importante con grande cura e con il permesso del medico curante. Un allergologo esamina la storia del paziente, conduce diagnosi ed esami appropriati e, se necessario (se le misure preventive ei metodi sopra descritti per il trattamento delle malattie allergiche non aiutano) prescrivono antistaminici, a condizione che il potenziale rischio di complicanze per il feto in via di sviluppo non sia superiore al beneficio previsto del trattamento.

Tutte le gocce e le pillole che hanno un effetto antistaminico, è altamente indesiderabile da utilizzare per il trattamento delle allergie nelle prime 12 settimane di gestazione. Per quanto riguarda il secondo e il terzo trimestre, non ci sono restrizioni così gravi, i farmaci antiallergici sono prescritti molto più spesso.

La seguente tabella affronterà il problema della scelta dei farmaci per l'allergia al trimestre.

Allergia durante la gravidanza: trattiamo senza conseguenze

Durante la gravidanza, ogni donna deve affrontare sorprese associate allo stato di salute o all'attività degli organi interni. Alcune di queste sorprese sono piacevoli, ad esempio rinforzando capelli e unghie. E alcuni non lo sono. Una delle spiacevoli sorprese che una futura mamma potrebbe dover affrontare è un'allergia. Per la prima volta può verificarsi durante la gravidanza, anche se in precedenza non si è notato una tale malattia.

Perché si verificano allergie?

L'allergia è una risposta non standard del sistema immunitario a fattori esterni. Il sistema immunitario di una donna incinta funziona in modo completamente diverso da una donna che non porta un bambino. Di conseguenza, la reazione del corpo ai soliti mandarini o pollini è impossibile da prevedere. L'allergia durante la gravidanza può verificarsi nelle ragazze di età compresa tra i 18 e i 25 anni e nelle donne anziane. Naturalmente, la probabilità di reazioni allergiche dopo 35 anni aumenta.

Nelle prime 12-14 settimane di gravidanza, le allergie possono essere una reazione al feto, come ad esempio la tossicosi. Passa da solo quando il corpo si abitua al suo stato. Inoltre, l'immunità può reagire negativamente ad animali, polvere, cibo, fumo di sigaretta, cosmetici, prodotti chimici. A causa di una maggiore sensibilità del corpo, vale la pena di prestare maggiore attenzione a ciò che si mangia e ciò che è intorno a te.

Inoltre, le allergie possono peggiorare in chi soffre di allergia con esperienza. Se in precedenza hai sofferto di reazioni allergiche, allora già quando pianifichi una gravidanza dovresti contattare uno specialista. Ti verrà prescritto un ciclo di trattamento che ridurrà al minimo l'esacerbazione della malattia durante il trasporto di un bambino. Inoltre, la buona notizia è che durante la gravidanza, una donna produce più cortisolo. Questo ormone antiallergico, che riduce la gravità della malattia o addirittura riduce a nulla.

Sintomi di allergia

I sintomi di allergia durante il trasporto di un bambino sono poco diversi dai segni in una donna non incinta. Questo può essere un improvviso gonfiore della gola o della mucosa nasale. Una donna può improvvisamente iniziare a lacrimare gli occhi, inizia a starnutire spesso e senza fermarsi. Una manifestazione comune è una forte tosse. Spesso con allergie compare l'eruzione cutanea.

A seconda dei sintomi, la gravità di questa malattia può essere suddivisa in 2 gruppi:

  • lieve (naso che cola, congiuntivite, orticaria locale);
  • grave (orticaria comune, angioedema, shock anafilattico).


Le reazioni del corpo, che sono gravi manifestazioni di allergie, sono pericolose perché si verificano completamente improvvisamente e scorrono pesantemente per il corpo di una donna incinta. Questa situazione richiede misure di rianimazione.

La manifestazione più pericolosa di tutto quanto sopra è lo shock anafilattico. La reazione si verifica immediatamente su qualsiasi farmaco o manipolazione con il corpo di una donna incinta, anche un morso di insetto può essere fatale. Per salvare la vita della madre e del bambino qui da 2 a 30 minuti. Ma fortunatamente tali incidenti sono uno su un milione.

L'edema di Quincke è caratterizzato da gonfiore delle mucose, della pelle e del tessuto sottocutaneo. Le aree più a rischio sono la fronte, le labbra, le palpebre, le guance. Spesso c'è un gonfiore nei piedi e nelle mani. Se si osserva gonfiore della mucosa del tubo digerente, possono verificarsi forti dolori allo stomaco, nausea e vomito.

Tutti i casi richiedono la consultazione con un allergologo. Solo uno specialista è in grado di valutare la gravità della malattia e prescrivere un trattamento a seconda dei sintomi, delle condizioni generali e della tolleranza dei farmaci.

Come la malattia colpisce la gravidanza e il bambino

Qualsiasi cambiamento nel corpo di una donna incinta soffre con cautela e molte domande. Soprattutto se questa è la prima gravidanza. Se, in caso di allergia, potessimo andare in farmacia e comprare qualsiasi medicina, ora, prima di tutto, dovremmo pensare a come influenzerà il feto. Ricorda, i farmaci per l'allergia durante la gravidanza dovrebbero essere selezionati solo da un medico.

L'allergia in sé non ha alcun effetto sul feto. Gli allergeni (patogeni della malattia) non sono in grado di penetrare nella placenta. La loro influenza è manifestata solo dal fatto che il bambino può in futuro, dopo la nascita, iniziare una reazione negativa a quelle sostanze che la madre ha sofferto durante la gravidanza. Cioè, l'allergia è una malattia che può essere ereditata. Ma questo non è una garanzia al 100% che il bambino sia allergico. I geni di suo padre possono prendere il sopravvento.

Ma i risultati della nostra autotrattamento possono essere disastrosi. Molti farmaci possono causare difetti del sistema nervoso, cuore. Inoltre, quando si assume il farmaco sbagliato, il flusso di sangue tra la madre e il bambino può essere disturbato. E questa è la principale fonte di vita del bambino. Potrebbe esserci mancanza di nutrienti o ossigeno.

Inoltre, gli effetti negativi delle allergie durante la gravidanza possono verificarsi se porta a complicazioni della salute generale della madre. Se conduce allo sviluppo di asma, shock anafilattico, rende difficile la respirazione. Una mancanza di ossigeno può portare all'ipossia. E, naturalmente, il disagio nel comune raffreddore, tosse, lacrimazione, affaticamento influenzano negativamente anche il bambino. Se la madre non sta bene, allora il bambino lo sente.

Come vengono diagnosticate e trattate le allergie nelle donne in gravidanza

Secondo gli esperti, l'allergia è una malattia della civiltà. Oggi circa il 25% della popolazione soffre di questa malattia. E se parliamo di donne incinte, il 45% delle donne in una posizione interessante lamenta reazioni allergiche. Quando ti iscrivi alla consultazione femminile, sei sempre intervistato per identificare il livello di rischio e la probabilità di allergie durante i 9 mesi di trasporto di un bambino.

Nella maggior parte dei casi, l'allergia è determinata dopo l'ispezione e in presenza di sintomi caratteristici. Se i sintomi sono presenti, il medico di solito pone domande che aiutano a identificare lo stimolo. Quindi, prescrivere test e trattamenti.

Se è necessario determinare la reazione a una sostanza senza la presenza di segni evidenti, possono eseguire un test cutaneo. Per fare questo, sotto la pelle portano una piccola quantità di sostanze allergeniche. Se entro mezz'ora non vi è alcuna reazione ad esso, allora il corpo non reagirà negativamente ad esso.

È quasi impossibile curare le allergie, la cosa principale è far fronte ai suoi sintomi. La maggior parte dei casi di esclusione dello stimolo dall'ambiente della donna incinta si conclude con la scomparsa della reazione allergica. Pertanto, durante la gravidanza, la prima cosa da fare con le allergie è evitare il contatto con gli allergeni.

La scelta dei farmaci per le allergie durante la gravidanza viene effettuata con particolare attenzione. Il loro obiettivo principale è rapidamente, ma innocuo per il feto, per salvare la futura madre dai sintomi. Esistono numerosi farmaci che possono alleviare i sintomi della malattia e non avere un effetto negativo sul feto, ma solo un medico dovrebbe essere responsabile della prescrizione.

Una reazione abbastanza frequente a qualsiasi sostanza può essere un'eruzione cutanea. Nelle donne incinte, appare spesso sullo stomaco. È pericoloso perché l'eruzione può prudere, gonfiarsi e scoppiare. E questo è il rischio di infezione. In questo caso, il medico può prescrivere un unguento per alleviare il prurito e altre manifestazioni. Tuttavia, i mezzi per uso esterno possono avere un impatto negativo sul bambino non meno di compresse e sciroppi, quindi non puoi prenderli da soli.

Fattori di allergia

La gravidanza è una nuova vita per il tuo corpo. Ricostruisce completamente il suo lavoro per i bisogni del bambino, che cresce e si sviluppa all'interno. La sua reazione anche al tuo maglione preferito può essere la più incredibile.

Durante la gravidanza vale la pena fare attenzione a cibo, vestiti, cosmetici, mezzi chimici con cui si pulisce la stanza. Anche l'ambiente può causare allergie.

Da allergie alimentari durante la gravidanza può causare agrumi, cioccolato, frutta esotica e verdure, che si tenta per la prima volta, alcuni tipi di pesce. È meglio non tentare il destino e non includere nella tua dieta qualcosa di nuovo, mentre indossa e nutre il bambino.

Se parliamo di animali, la lana di cani e gatti, la lanugine degli uccelli può anche diventare patogeni della malattia. Se hai un animale domestico, allora è meglio darlo ad amici o parenti durante la gravidanza.

Forti tensioni, preoccupazioni, industria chimica e metallurgia nella vostra zona sono le prime fonti di sviluppo di un'allergia alle manifestazioni dannose dell'ambiente. E piccoli, ma insetti pericolosi possono portare a allergie. Spesso, una puntura d'ape che in precedenza era innocua per te può causare un forte gonfiore al sito del morso, una febbre e persino uno shock anafilattico.

Durante la gravidanza, molte donne (specialmente in presenza di malattie croniche) assumono diversi farmaci contemporaneamente. A volte è una necessità, e talvolta il semplice desiderio di una donna incinta. Inoltre, le vitamine e altri integratori di cui il corpo ha bisogno sono obbligatori. Spesso questi farmaci sono la causa dell'allergia.

prevenzione

Per evitare qualsiasi malattia è sempre possibile. Certo, nessuno ti darà la piena garanzia che, seguendo certe precauzioni, non ti ammalerai mai. Ma è possibile ridurre la probabilità. Per fare questo, dovresti:

  1. Rinunciare a tutte le cattive abitudini Questo è particolarmente vero per il fumo. Oltre alle allergie, influisce negativamente sullo sviluppo dei polmoni del bambino e può portare al ritardo della crescita intrauterina. Spesso, i bambini delle mamme fumatrici soffrono di asma, polmonite;
  2. Effettuare la pulizia a umido della stanza ogni giorno. Una volta alla settimana, abbatti tappeti, cuscini, coperte. Puoi persino, come gli animali, rimuovere tende e tappeti da casa per un po '. Raccolgono molta polvere e gli acari che vivono in essa sono la prima fonte di allergie;
  3. Riduci al minimo il contatto con tutti gli animali. Questo vale sia per il domestico che per il selvaggio;
  4. Non sperimentare con la nutrizione. Mangia qualcosa che conosci già la reazione del corpo. Meno agrumi Scegli qualcosa che sarà utile, ma non allergenico. Ad esempio, preferisci il kiwi piuttosto che il limone o l'arancia. Il kiwi ha più vitamina C, ma è meno probabile che causerà una reazione allergica.

Per quanto riguarda la prevenzione delle allergie nel neonato, non si trova il mezzo migliore del latte materno. Il latte materno è una fonte di sostanze che aiutano a far fronte agli allergeni. Anche se hai avuto allergie durante la gravidanza, ora hai degli anticorpi e puoi trasmetterli al tuo bambino.

Pertanto, per qualsiasi manifestazione di allergia, è necessario consultare immediatamente un medico. Se non sai quale o dove nella tua città accetta, consulta un ginecologo per un consiglio. Anche se in precedenza hai trattato con successo le allergie, non prendere i tuoi vecchi farmaci. Ora dobbiamo pensare non solo alla lotta contro i sintomi, ma anche all'effetto del farmaco sul feto e agli effetti delle allergie.

Qualsiasi malattia può essere superata se eseguita correttamente, dopo aver consultato un medico. Prevenire le allergie può anche aiutare a non soffrire di questa malattia per tutti i 9 mesi. Se sei allergico all'esperienza, allora il comportamento corretto, la nutrizione e lo stile di vita durante la gravidanza possono portare al fatto che diventerà la tua medicina per le allergie. Sappi che se il sollievo delle reazioni allergiche si verifica durante una gravidanza, allora il prossimo sarà lo stesso.

Pensa alla salute e alla salute del tuo bambino. Non rischiare il futuro del piccolo uomo.

Allergia nelle donne in gravidanza

Manifestazioni di allergie nelle donne in gravidanza, l'effetto di allergia al feto

Nelle condizioni della civiltà moderna, non importa quanto sia triste ammetterlo, anche una persona sana trova difficile mantenere l'offerta necessaria di salute e forza. E quando si tratta della nascita di una nuova vita, questo problema diventa ancora più acuto. E se il ventesimo secolo è stato dichiarato il secolo delle malattie cardiovascolari, il XXI, secondo le previsioni dell'OMS, sarà il secolo dell'allergia.

Già oggi le allergie soffrono più del 20% della popolazione mondiale e in aree con condizioni ambientali sfavorevoli - 50% o più. In Russia, la prevalenza di malattie allergiche in diverse regioni è del 15-35%.

Negli ultimi 30 anni, l'incidenza delle allergie aumenta di 2-3 volte ogni 10 anni. La colpa è un forte degrado ambientale, stress acuto e cronico, sviluppo intenso di tutti i tipi di industria senza sufficiente rispetto delle misure di protezione ambientale, uso incontrollato di medicinali, uso diffuso di cosmetici e prodotti sintetici, forte introduzione di disinfezione e disinfestazione nella vita quotidiana, cambiamenti nell'alimentazione, comparsa di nuovi allergeni.

L'allergia è un'espressione della reazione immunitaria (difesa) del corpo, in cui i suoi stessi tessuti sono danneggiati; Nella terminologia medica, questo è chiamato malattie allergiche (queste includono allergie acute). Sfortunatamente, tra i pazienti con allergie acute (OAZ) nel 5-20% dei casi si riscontrano donne in gravidanza. Questi numeri sono aumentati di 6 volte negli ultimi 20 anni. L'età più comune per le donne incinte con allergie è di 18-24 anni. Secondo la prognosi del corso e il rischio di sviluppare condizioni minacciose, tutte le OAZ (vedi Tabella 1, 2) sono suddivise in polmoni (rinite allergica, congiuntivite allergica, orticaria localizzata) e grave (orticaria generalizzata, angioedema, shock anafilattico).

Come si sviluppa la malattia

Quindi, qual è il meccanismo delle reazioni allergiche? Nello sviluppo della malattia ci sono tre fasi.

Il primo stadio. L'allergene entra per la prima volta nel corpo. In questa capacità è possibile utilizzare polline, peli di animali, prodotti alimentari, cosmetici, ecc. Le cellule del sistema immunitario riconoscono sostanze estranee e attivano il meccanismo di formazione di anticorpi. Gli anticorpi sono attaccati alle pareti dei cosiddetti mastociti, che in grandi quantità si trovano sotto i tessuti mucosi ed epiteliali. Tali combinazioni possono esistere per più di un anno e "attendere" il prossimo contatto con l'allergene.

Secondo stadio L'allergene, rientrando nel corpo, lega gli anticorpi sulla superficie della mast cell. Questo fa scattare la scoperta dei mastociti: da loro vengono rilasciate sostanze biologicamente attive (istamina, serotonina, ecc.), Che causano i principali sintomi di allergia, vengono anche chiamati mediatori dell'infiammazione o ormoni proinfiammatori.

Il terzo stadio. Le sostanze biologicamente attive causano la dilatazione dei vasi sanguigni, aumentano la permeabilità tissutale. C'è gonfiore, infiammazione. Nei casi più gravi, quando l'allergene penetra nel sangue, potrebbe esserci una forte espansione dei vasi sanguigni e un forte calo della pressione sanguigna (shock anafilattico).

Le manifestazioni più comuni di allergia nelle donne in gravidanza sono la rinite allergica, l'orticaria e l'angioedema.

Impatto dell'allergia alla frutta

Quindi, qual è il meccanismo delle reazioni allergiche? Nello sviluppo della malattia ci sono tre fasi. Se una reazione allergica si verifica nella propria reazione allergica del feto al feto non si verifica, poiché specifici immunocomplessi che reagiscono allo stimolo allergenico (gli antigeni - sostanze che causano allergie e anticorpi sviluppati in risposta agli antigeni) non penetrano nella placenta. Tuttavia, un bambino nel grembo subisce l'influenza della malattia sotto l'influenza di tre fattori:

  • cambiamento nello stato della madre;
  • il possibile effetto dei farmaci sull'apporto di sangue fetale (farmaci usati per le allergie, può causare una diminuzione del flusso sanguigno uteroplacentare, garantendo pienamente la vita del feto);
  • gli effetti dannosi dei farmaci (questo sarà discusso di seguito).

Trattamento allergico durante la gravidanza

L'obiettivo principale del trattamento immediato è l'eliminazione efficace e sicura dei sintomi di OAZ in una donna incinta senza il rischio di effetti avversi sul feto.

In effetti, la reazione di una persona all'uso di droghe dipende dal suo stato fisiologico, dalla natura della patologia e dal tipo di terapia.

La gravidanza in questo senso dovrebbe essere considerata come uno stato fisiologico speciale. È necessario tenere conto del fatto che fino al 45% delle donne in gravidanza ha malattie degli organi interni e dal 60 all'80% assume regolarmente determinati farmaci. In media, durante la gravidanza, una donna assume fino a quattro diversi farmaci, senza contare vitamine, minerali e integratori alimentari. Devo dire che questo è tutt'altro che sicuro per un bambino non ancora nato? Soprattutto se una donna prende una decisione sull'ammissione di alcune medicine in modo indipendente.

Considera un esempio clinico. Una donna di 31 anni alla dodicesima settimana di gravidanza è stata portata in ospedale con una diagnosi di malattia allergica acuta, orticaria generalizzata. Seconda gravidanza, prima di andare in ospedale, la donna non ha sofferto di allergie. Malato improvvisamente, circa 1 ora dopo aver mangiato succo d'arancia. C'era un'eruzione sul petto, mani; iniziato prurito. La donna prese autonomamente la decisione di bere una compressa di Dimedrol, ma non ebbe alcun effetto. Su consiglio di un medico familiare, ha anche preso 1 pillola di suprastin, anche senza effetto. Al mattino, l'eruzione si era diffusa in tutto il corpo e il paziente chiamava cure mediche di emergenza. Il medico dell'ambulanza iniettò per via intramuscolare 2 ml di tavegil, nessun effetto seguì. Il medico ha deciso di portare la donna all'ospedale dell'unità di terapia intensiva generale. La reazione completamente allergica è scomparsa solo dopo 3 giorni.

Nell'esempio sopra, la donna ha ricevuto tre diversi antistaminici prima del ricovero in ospedale, uno dei quali (dimedrol) è controindicato durante la gravidanza. Pertanto, in ogni caso di allergie, è necessario consultare immediatamente un medico per un aiuto.

La maggior parte dei farmaci antistaminici "popolari" usati nel trattamento delle allergie sono controindicati in gravidanza. Quindi, la difenidramina può causare eccitabilità o contrazioni dell'utero sul termine vicino alla nascita, se assunto a dosi superiori a 50 mg; dopo aver assunto terfenadina c'è una diminuzione del peso dei neonati; astemizol ha un effetto tossico sul feto; suprastin (cloropiramina), claritina (loratadina), cetirizina (alleprtek) e fexadina (fexofenadina) durante la gravidanza sono permessi solo se l'effetto del trattamento supera il potenziale rischio per il feto; tavegil (clemensin) durante la gravidanza dovrebbe essere usato solo per motivi di salute; Pipolfen (piperacillina) non è raccomandato durante la gravidanza e l'allattamento.

Quando si verifica prima una reazione allergica, è necessario in ogni caso, anche se questa condizione non è durata a lungo, consultare un allergologo per un consiglio. Vorrei sottolineare che la cosa principale nel trattamento di condizioni e malattie allergiche non è l'eliminazione dei sintomi di allergia con l'aiuto di farmaci, ma la completa esclusione del contatto con l'allergene.

Al fine di identificare l'allergene condurre esami speciali. Viene utilizzata la determinazione dei livelli ematici di anticorpi IgE specifici per alcuni allergeni e test di scarificazione della pelle. Per i test cutanei, vengono preparate soluzioni da potenziali allergeni (un estratto di erbe, alberi, polline, epidermide animale, veleno di insetti, cibo, droghe). Le soluzioni risultanti sono somministrate in quantità minime intradermicamente. Se un paziente è allergico a una o più delle sostanze elencate, allora l'edema locale si sviluppa intorno all'iniezione dell'allergene corrispondente.

Cosa devo fare con la manifestazione di OAZ e quali farmaci possono essere utilizzati?

  • Se l'allergene è noto, elimina immediatamente i suoi effetti.
  • Consultare un medico
  • Se non è possibile consultare un medico, fare riferimento alle seguenti informazioni sui farmaci antiallergici.

Bloccanti di istamina H2 di prima generazione:

  • La soprastinina (clorpiramina) è prescritta per il trattamento delle reazioni allergiche acute nelle donne in gravidanza.
  • Pipolfen (piperacillina) - durante la gravidanza e l'allattamento al seno non è raccomandato.
  • Allertek (cyterysin) - possibile uso in 2 e 3 trimestri di gravidanza.
  • Tavegil (clemensin) - durante la gravidanza, può essere usato solo per motivi di salute; poiché l'effetto negativo di questo farmaco sul feto è stato rivelato, tavegil può essere usato solo nel caso in cui una reazione allergica minacci la vita del paziente, e non vi è alcuna possibilità di usare un altro farmaco per un motivo o per un altro.

Bloccanti di H2-istamina di seconda generazione:

Claritin (loratadina) - durante la gravidanza, l'uso è possibile solo se l'effetto della terapia supera il potenziale rischio per il feto, cioè, è necessario utilizzare il farmaco solo quando la condizione allergica della madre minaccia il feto più che assumere il farmaco. Questo rischio è valutato dal medico in ciascun caso.

Bloccanti di istamina H2 di terza generazione:

Feksadin (feksofenadin) - durante la gravidanza, l'uso è possibile solo se l'effetto della terapia supera il potenziale rischio per il feto.

Prevenzione dell'allergia nelle donne in gravidanza

Un altro aspetto molto importante del problema è la prevenzione delle malattie allergiche in un feto. Le misure preventive comprendono restrizioni o, nei casi più gravi, l'esclusione di alimenti altamente allergici dalla dieta di una donna incinta. Il tratto gastrointestinale è la porta d'ingresso principale per gli allergeni che penetrano nel feto. La formazione di ipersensibilità (cioè la formazione di anticorpi nel corpo del bambino quando l'allergene viene somministrato secondariamente - già nella vita extrauterina del bambino - per provocare una reazione allergica) si verifica ad un certo grado di maturità del sistema immunitario fetale, che si raggiunge entro la 22a settimana di sviluppo intrauterino. Pertanto, è da questo momento che la restrizione degli allergeni negli alimenti è giustificata.

La prevenzione delle reazioni allergiche dovrebbe includere anche la limitazione del possibile contatto con altri allergeni: prodotti chimici domestici, nuovi cosmetici, ecc.

Queste restrizioni non sono certamente assolute. Mamme future sane che non soffrono di allergie, è sufficiente non utilizzare questi prodotti quotidianamente e contemporaneamente, con la possibilità della loro inclusione periodica nella dieta. Abbandonare completamente i prodotti "rischiosi" a quelle madri incinte che hanno avuto almeno una volta alcune manifestazioni allergiche a questo prodotto. Se una donna soffre di malattie allergiche (asma bronchiale allergico, dermatite allergica, rinite allergica, ecc.), Dovrà eliminare gruppi alimentari interi dalla dieta.

Va sottolineato che il fumo (sia attivo che passivo) è assolutamente inaccettabile per una donna incinta e in allattamento. Ci sono fatti che confermano che fumare una madre durante la gravidanza influisce sullo sviluppo dei polmoni del feto, portando al ritardo della crescita intrauterina. Il fumo materno è una delle cause dello stress fetale. Dopo una sigaretta si fuma, uno spasmo di vasi dell'utero si verifica per 20-30 minuti e la fornitura di ossigeno e sostanze nutritive al feto viene interrotta. Nei bambini di madri che fumano, la probabilità (oltre ad altre gravi malattie) dello sviluppo di dermatite atopica (allergica) e di asma bronchiale aumenta.

Durante la gravidanza, si raccomanda di non avere animali domestici, di ventilare spesso l'appartamento, di fare la pulizia umida ogni giorno, di aspirare tappeti e mobili imbottiti almeno una volta alla settimana, per asciugare e asciugare i cuscini. E una nota più importante. Il latte materno è il prodotto più adatto per l'alimentazione dei bambini nei primi mesi di vita. Ha la temperatura necessaria, non richiede tempo per la preparazione, non contiene batteri e allergeni, è facilmente digeribile, contiene enzimi per la propria digestione. Presto a 4 mesi - la cessazione dell'allattamento al seno aumenta la frequenza delle reazioni allergiche varie volte.

Ricorda che una donna incinta, indipendentemente dal fatto che soffre di allergie, dovrebbe condurre uno stile di vita sano, evitare lo stress, ammalarsi di meno, non prescrivere farmaci per sé e adattarsi a dare alla luce un bambino sano.

Allergia alla gravidanza: effetti sul feto

✓ Articolo verificato da un medico

Allergie - un fenomeno spiacevole che porta un sacco di problemi a una persona, e a volte può portare alle conseguenze più tristi. È particolarmente preoccupata per le donne incinte e per coloro che stanno pianificando una gravidanza: ognuno di loro pensa all'impatto che questa condizione può avere sul bambino. Quindi, c'è un rischio per la salute del bambino se la madre soffre di manifestazioni allergiche e cosa fare in una situazione del genere?

Allergia alla gravidanza: effetti sul feto

Allergia e gravidanza

La maternità e le allergie sono lontane da una combinazione ideale, soprattutto considerando che è completamente impossibile curare questa condizione e che i farmaci eliminano solo i sintomi. Ma ci sono buone notizie. Nel periodo di trasporto di un bambino nel corpo femminile aumenta la produzione di un ormone chiamato cortisolo, che ha un effetto antiallergico. In altre parole, anche nelle donne che soffrono di gravi allergie, asma o raffreddore da fieno, queste malattie si manifestano di solito lievi o assenti del tutto. Dopo il parto, i livelli di cortisolo ritornano gradualmente a sintomi normali e spiacevoli. Ma allo stesso tempo, ci sono un certo numero di donne che, durante il periodo di trasporto di un bambino, hanno manifestazioni allergiche, al contrario, diventano più acute.

Dove possono essere gli allergeni

Un'altra manifestazione allergica che si verifica nel 2% delle donne in gravidanza è l'asma bronchiale. Di solito, questa malattia non si manifesta durante il periodo di trasporto di un bambino, ma molto prima, quindi, una donna che conosce il suo problema dovrebbe riferire questo fatto al suo medico.

Allergia e salute dei bambini

Manifestazioni di allergie non minacciano le condizioni del bambino, dal momento che le tossine che causano sintomi specifici non sono in grado di superare la barriera placentare ed entrare nel feto.

Le manifestazioni di allergia futura madre non minacciano la condizione del bambino

Tuttavia, quando le manifestazioni della testa fredda, quando una donna ha difficoltà con la respirazione nasale, il bambino può anche sperimentare la fame di ossigeno, e il disagio che la madre sta vivendo influenza sempre il bambino. Inoltre, aumenta il rischio di sviluppare allergie fetali in questo caso.

Ma il vero pericolo è rappresentato dai dispositivi medici che di solito prendono allergie per alleviare la loro condizione - alcuni di loro sono in grado di alterare l'afflusso di sangue del feto e causare gravi disturbi. Soprattutto con attenzione è necessario trattare tali farmaci nei primi tre mesi di gravidanza, quando si formano tutti gli organi del bambino.

Fattori di rischio

Una delle cause di allergia nella futura madre può essere la reazione del suo corpo al feto stesso. Il meccanismo di insorgenza della malattia in questo caso è simile a quello che è presente durante lo sviluppo della tossicosi: il corpo femminile reagisce al feto come un corpo estraneo, causando sintomi allergici. Sorgono all'inizio della gravidanza (fino a 12-14 settimane) e vanno via da sole dopo che una donna si abitua alla sua nuova condizione. Inoltre, i seguenti fattori possono causare allergie:

Gli alimenti che causano più allergie

  • alcuni prodotti;
  • pelli di animali, piume di uccelli;
  • pioppo di pioppo, polline di alcune piante;
  • punture di insetti;
  • prodotti per l'igiene e la casa, cosmetici;
  • fumo di sigaretta;
  • acari della polvere;
  • forte stress.

Sintomi di allergia

Poiché molte donne soffrono di sintomi simili ai segni di allergia (può essere sia manifestazioni fisiologiche e raffreddori, infezioni virali respiratorie acute, ecc.), È importante essere in grado di distinguere tra normale e patologia. Il fatto è che è impossibile ignorare i segni di allergia - possono provocare fenomeni molto pericolosi: in particolare, l'edema di Quincke e lo shock anafilattico. Il primo stato si manifesta con fenomeni edematosi nei tessuti molli o nelle membrane mucose, che sono più spesso notati nell'area del viso e della testa, della laringe, del tratto gastrointestinale e delle estremità. Nello shock anafilattico, c'è una diminuzione della pressione sanguigna, perdita di coscienza, disturbi respiratori e dolore addominale.

Cos'è l'allergia e i suoi agenti patogeni

I sintomi allergici che si sviluppano durante la gravidanza sono di solito direttamente correlati a qualsiasi cambiamento nella natura o nella vita di una donna (l'erba sboccia, l'aspetto di un animale domestico, una nuova dieta).

Il più delle volte includono naso che cola, congiuntivite e manifestazioni dermatologiche (orticaria e dermatiti).

  1. Rinite allergica Manifestazioni - difficoltà respiratorie, congestione nasale, gonfiore delle mucose, scarico acquoso, starnuti frequenti, mal di gola.
  2. Congiuntivite allergica. Infiammazione e gonfiore delle palpebre, sensazione di prurito agli occhi, vasi pronunciati sulla superficie della proteina, aumento della lacrimazione, restringimento degli occhi.
  3. Orticaria. Orticaria può essere localizzata o generalizzata. Il primo tipo è caratterizzato dalla formazione di singoli pomelli di forma rotonda con chiari confini, bordi gonfiati e un centro luminoso che prude severamente. Nel secondo caso, le vescicole colpiscono l'intera superficie della pelle.

La rinite e la congestione nasale soffrono molto spesso di donne completamente sane che non sono soggette a manifestazioni allergiche, ma in questo caso si verificano spontaneamente e non sono associate a nessun fattore esterno.

Farmaci allergia

In nessun caso le donne in gravidanza dovrebbero prescrivere farmaci per se stessi.

In ogni caso, le donne incinte non dovrebbero prescrivere farmaci per se stessi, in quanto ciò può portare a conseguenze molto gravi. I farmaci più comuni che utilizzano allergie per alleviare la loro condizione non sono raccomandati per le donne incinte, in quanto possono influenzare negativamente il corso della gravidanza o lo sviluppo del bambino.

I rimedi più sicuri per eliminare i sintomi allergici sono gli unguenti a base di estratti di erbe e zinco, che hanno un effetto ipoallergenico e lenitivo, oltre ad alleviare l'infiammazione e il gonfiore. Con il naso che cola e la congestione nasale, le future mamme possono usare spray o regolare soluzione fisiologica, che asciuga il muco. È inoltre possibile utilizzare gocce di vasocostrittore per neonati e bambini. In ogni caso, prima di usare un particolare farmaco si consiglia di consultare il proprio medico.

Video - Allergia alla gravidanza

Rimedi popolari per le allergie

Le ricette di medicina alternativa utilizzate dalle donne incinte comprendono decotti, unguenti e lozioni che leniscono la pelle ed eliminano le manifestazioni locali di allergia. Le lozioni sono fatte a base di acqua (a volte a base di olio vegetale o alcool diluito) e glicerina, a cui viene aggiunta la sostanza attiva: ad esempio, amido o argilla bianca. Tutti gli ingredienti devono essere miscelati, applicati alle aree interessate, riposare per circa mezz'ora e risciacquare con acqua tiepida. All'interno, puoi prendere succo di sedano a base di 0,5 cucchiaino prima di ogni pasto.

Le manifestazioni dermatologiche delle allergie sono efficaci e decotti di erbe come la camomilla, la celidonia, la calendula, lo spago, l'ortica. Sono inumiditi con una garza pulita e applicati alle aree interessate. Inoltre, la pelle affetta da eruzioni allergiche può essere lubrificata con aceto di sidro di mele e soluzione di soda e possono essere applicate foglie di cavolo fresche.

Decotto di ortica aiuterà con manifestazioni dermatologiche di allergie

Molte future mamme lottano con la rinite allergica con l'aiuto di acqua salata, succo di aloe o kalanchoe - questi prodotti asciugano il muco e rimuovono il muco dai passaggi nasali.

Prevenzione delle allergie

È possibile ridurre la probabilità di manifestazioni allergiche con l'aiuto di misure preventive che devono essere prese alla lettera dal primo giorno di gravidanza, e ciò è particolarmente vero per le donne con allergie o che hanno una tendenza a reazioni simili. Cosa dovrebbero aspettarsi le madri che si preoccupano della propria salute e delle condizioni del futuro bambino?

  1. Elimina le cattive abitudini della tua vita. Ciò è particolarmente vero per il fumo - non solo è dannoso per la salute di donne e bambini, ma può anche causare reazioni allergiche. Le donne che hanno una storia di allergie, è meglio evitare luoghi dove le persone che fumano possono essere.
  2. Ridurre il contatto con gli animali. Gli animali domestici sono i migliori amici di una persona, ma la loro lana o piume possono provocare reazioni specifiche, quindi è meglio regalarli agli amici durante la gravidanza. Inoltre, gli animali possono essere portatori di malattie pericolose: dai gatti si può prendere la toxoplasmosi, dai pappagalli e altri uccelli - l'ornitosi. Non dovresti nemmeno visitare zoo e altri luoghi dove ci sono "i nostri fratelli più piccoli".
  3. Controllo dieta Prima di tutto, si tratta di allergeni forti (agrumi, cioccolato, pesce rosso, noci) - è meglio ridurre l'uso di questi prodotti. Durante la gravidanza, non è necessario sperimentare con la dieta e includere piatti non familiari ed esotici nel menu.

I principali allergeni alimentari durante la gravidanza

Le allergie possono causare molti problemi a una persona, ma questo stato del corpo non è affatto una controindicazione alla gravidanza. Con un'attitudine appropriata alla loro salute, i sintomi e le complicazioni sgradevoli possono essere minimizzati o completamente eliminati.

Per Ulteriori Informazioni Sui Tipi Di Allergie