Principale Sintomi

Capitolo 2 Tipi di reazioni allergiche

Capitolo 2 Tipi di reazioni allergiche

Tutte le reazioni allergiche possono essere suddivise in 2 grandi gruppi in base al momento dell'evento: se le reazioni allergiche tra un allergene e i tessuti corporei si verificano immediatamente, vengono chiamate reazioni immediate e, se dopo un paio d'ore o addirittura giorni, si manifestano reazioni allergiche ritardate. Secondo il meccanismo di occorrenza, si distinguono 4 principali tipi di reazioni allergiche.

Reazioni allergiche di tipo I

Il primo tipo include reazioni allergiche (ipersensibilità) del tipo immediato. Sono chiamati atopici. Le reazioni allergiche immediate sono di gran lunga le più comuni malattie immunologicamente indotte. Influenzano circa il 15% della popolazione. I pazienti con questi disturbi hanno una risposta immunitaria compromessa, che viene chiamata atopica. I disturbi atopici comprendono asma bronchiale, rinite allergica e congiuntivite, dermatite atopica, orticaria allergica, angioedema, shock anafilattico e alcuni casi di lesioni allergiche del tratto gastrointestinale. Il meccanismo di sviluppo dello stato atopico non è completamente compreso.

Nei pazienti con atopia, vi è una disfunzione del sistema nervoso autonomo, che è particolarmente evidente nei pazienti con asma bronchiale e dermatite atopica. C'è una maggiore permeabilità delle mucose.

Reazioni allergiche di tipo II

Il secondo tipo di reazione allergica è chiamato risposta immunitaria citotossica. Questo tipo di allergia è caratterizzato dal fatto che qui l'allergene viene prima collegato alle cellule, e quindi gli anticorpi sono già collegati al sistema di cellule allergiche.

Malattie allergiche che hanno un secondo tipo di reazione sono anemia emolitica, trombocitopenia immune, sindrome ereditaria polmonare e renale (sindrome di Goodpasture), pemfigo, vari altri tipi di allergie ai farmaci. Nelle reazioni del secondo tipo, è richiesta la partecipazione al complemento e in forma attiva.

Reazioni allergiche di tipo III

Il terzo tipo di reazione allergica è l'immunocomplesso, chiamato anche "malattia del sistema immunitario". Queste reazioni differiscono da quelle del secondo tipo in quanto l'antigene non è legato alla cellula, ma circola nel sangue in uno stato libero, senza attaccarsi ai componenti dei tessuti. Lì, si lega agli anticorpi, formando complessi antigene-anticorpo.

Esempi di malattie causate da reazioni del terzo tipo sono glomerulonefrite diffusa, lupus eritematoso sistemico, malattia da siero, crioglobulinemia mista essenziale e sindrome preepatogenica manifestata da segni di artrite e orticaria e che si sviluppa durante l'infezione dal virus dell'epatite B. Il ruolo del tessuto vascolare elevato è molto importante nello sviluppo delle malattie dei complessi immunitari. che può essere esacerbata dallo sviluppo concomitante di un tipo immediato di reazione di ipersensibilità che si verifica con contenuti ozhdeniem dei mastociti e dei basofili.

IV tipo di reazioni allergiche

Gli anticorpi non sono coinvolti nelle reazioni del quarto tipo. Si sviluppano come risultato dell'interazione di linfociti e antigeni. Queste reazioni sono chiamate reazioni di tipo ritardato, cioè quelle che si sviluppano tra le 24 e le 48 ore dopo che un allergene entra nel corpo.

Spesso i pazienti possono combinare diversi tipi di reazioni allergiche. Alcuni scienziati identificano il quinto tipo di reazione allergica - mista. Ad esempio, nella malattia da siero, possono svilupparsi reazioni allergiche sia del primo (reagin) che del secondo (citotossico) e del terzo (immunocomplesso).

Fasi di reazioni allergiche

L'accademico A.D. Ado individuato nello sviluppo di reazioni allergiche di tipo immediato fase 3:

I. Fase immunologica. Copre tutti i cambiamenti nel sistema immunitario che sorgono dal momento in cui un allergene entra nel corpo.

II. Stadio patochimico o stadio di formazione dei mediatori. La sua essenza sta nella formazione di sostanze biologicamente attive.

III. Stadio fisiopatologico o stadio delle manifestazioni cliniche.

Ciascuna delle sostanze biologicamente attive ha la capacità di causare una serie di cambiamenti nel corpo: espandere i capillari, ridurre la pressione sanguigna, causare uno spasmo muscolare liscio (ad esempio, i bronchi), interrompere la permeabilità capillare. Di conseguenza, si è sviluppata una violazione dell'attività del corpo in cui si è verificata la riunione dell'allergene entrante con l'anticorpo. Questa fase può essere vista sia dal paziente che dal medico, poiché si sviluppa il quadro clinico della malattia allergica. Questo quadro clinico dipende dal modo in cui e in quale organo è penetrato l'allergene e dove si è verificata la reazione allergica, da che cosa era l'allergene e dalla sua quantità.

Tipi di reazioni allergiche

Tipi di reazioni allergiche

Tipi di reazioni allergiche

Reazione allergica di 1 (primo) tipo:

Reazione 1 (primo) tipo - una reazione allergica o una reazione di ipersensibilità di tipo anafilattico. Si basa sul meccanismo di reagin del danno tissutale, che di solito procede con la partecipazione delle immunoglobuline E, meno comunemente le immunoglobuline G sulla superficie delle membrane e dei mastociti. Allo stesso tempo, un certo numero di sostanze biologicamente attive (istamina, serotonina, bradichinine, eparina, ecc.) Vengono rilasciate nel sangue, il che porta a compromissione della permeabilità della membrana, edema interstiziale, spasmo dei muscoli lisci e aumento della secrezione.

Come risultato della reazione antigene - anticorpo, si verifica uno spasmo della muscolatura liscia dei bronchioli, accompagnato da un aumento della secrezione di muco e gonfiore della mucosa.

Reazione allergica 2 (secondo) tipo:

Il tipo di reazione 2 (del secondo) è una reazione di ipersensibilità del tipo citotossico. Gli anticorpi circolanti reagiscono con parti naturali o artificialmente (secondariamente) incorporate delle membrane cellulari e tissutali. Il secondo tipo di reazione allergica è citotossico, si verifica con la partecipazione delle immunoglobuline G e M, nonché con l'attivazione del sistema del complemento, che porta al danneggiamento della membrana cellulare. Questo tipo di reazione si osserva in allergia ai farmaci, trombocitopenia, anemia emolitica, malattia emolitica del neonato con conflitto Rh.

Reazione allergica 3 (terzo) tipo:

Reazione 3 (terzo) tipo (reazione immunocomplessa) è una reazione di ipersensibilità causata dalla formazione di antigeni precipitanti - complessi di anticorpi in un piccolo eccesso di antigeni.

I complessi vengono depositati sulle pareti dei vasi sanguigni, attivano il sistema del complemento e provocano processi infiammatori (ad esempio, malattia da siero, nefrite del complesso immunitario).

Reazione allergica 4 (quarto) tipo:

Il tipo di reazione 4 (del quarto) è una reazione di ipersensibilità di tipo cellula-dipendente (reazione cellulare o ipersensibilità di tipo ritardato). La reazione è causata dal contatto dei linfociti T con un antigene specifico; in caso di contatto ripetuto con l'antigene, reazioni infiammatorie ritardate dipendenti da T-cellule (locali o generalizzate) si sviluppano, ad esempio, dermatite allergica da contatto, rigetto del trapianto. Qualsiasi organo e tessuto può essere coinvolto nel processo. Più spesso con lo sviluppo di reazioni allergiche del quarto tipo, sono colpite la pelle, il tratto gastrointestinale e gli organi respiratori.

Questo tipo di reazione è caratteristico dell'asma allergico-infettivo bronchiale, della brucellosi, della tubercolosi e di alcune altre malattie.

Reazione allergica del 5o (quinto) tipo:

La reazione del quinto (quinto) tipo è una reazione di ipersensibilità in cui gli anticorpi esercitano un effetto stimolante sulla funzione delle cellule. Un esempio di tale reazione è la tireotossicosi correlata alle malattie autoimmuni, in cui l'iperproduzione della tiroxina si verifica a causa dell'attività di anticorpi specifici.

Reazione allergica immediata:

Le reazioni allergiche del tipo immediato si sviluppano 15-20 minuti dopo il contatto dell'allergene con tessuto sensibilizzato, caratterizzato dalla presenza di anticorpi circolanti nel sangue. Le reazioni di tipo immediato comprendono shock anafilattico, orticaria allergica, malattia da siero, asma bronchiale atopica (esogena), raffreddore da fieno (pollinosi), angioedema (angioedema), glomerulonefrite acuta e alcuni altri.

Quadro clinico

Cosa dicono i medici sui trattamenti allergici?

Ho curato le allergie nelle persone per molti anni. Ti dico che, come medico, le allergie e i parassiti nel corpo possono portare a conseguenze davvero gravi se non ti occupi di loro.

Secondo gli ultimi dati dell'OMS, sono le reazioni allergiche nel corpo umano che causano la maggior parte delle malattie mortali. Tutto inizia con il fatto che una persona ha prurito al naso, starnuti, naso che cola, macchie rosse sulla pelle, in alcuni casi, soffocamento.

Ogni anno, 7 milioni di persone muoiono a causa di allergie e l'entità del danno è tale che quasi ogni persona ha un enzima allergico.

Sfortunatamente, in Russia e nei paesi della CSI, le corporazioni farmaceutiche vendono farmaci costosi che alleviano solo i sintomi, dando così alle persone un particolare farmaco. Ecco perché in questi paesi una percentuale così alta di malattie e così tante persone soffrono di farmaci "non lavorativi".

L'unico farmaco che voglio consigliare ed è ufficialmente raccomandato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità per il trattamento delle allergie è Histanol NEO. Questo farmaco è l'unico mezzo per pulire il corpo dai parassiti, così come le allergie e i suoi sintomi. Al momento, il produttore è riuscito non solo a creare uno strumento estremamente efficace, ma anche a renderlo accessibile a tutti. Inoltre, nell'ambito del programma federale "senza allergie", ogni residente della Federazione Russa e della CSI può riceverlo solo per 149 rubli.

Reazione allergica del tipo ritardato:

Le reazioni allergiche di tipo ritardato si sviluppano su molte (dopo 24-48) ore ea volte giorni, si sviluppano con tubercolosi, brucellosi e dermatite da contatto. I fattori che causano il tipo ritardato di reazione possono essere microrganismi (streptococco, pneumococco, virus vaccinale), pianta (edera), sostanze industriali e medicinali.

Tipi di reazioni allergiche

Malattie allergiche - un gruppo di malattie, che si basano su un'aumentata risposta immunitaria ad allergeni esogeni ed endogeni, manifestati da danni a tessuti e organi, tra cui cavità orale. La causa diretta delle reazioni allergiche è la sensibilizzazione agli exoallergeni (infettivi e non infettivi) e, in misura minore, agli allergeni endo (auto).

Sotto l'influenza di allergeni, le reazioni allergiche di tipi I-IV si sviluppano:

1. Reazione allergica di tipo 1 (reazione di tipo immediato, reagin, anafilattico, tipo atopico). Si sviluppa con la formazione di anticorpi-reagenti appartenenti alla classe Jg E e Jg G4. Sono fissati su mastociti e leucociti basofili. Quando le reagine sono combinate con l'allergene, i mediatori vengono rilasciati dalle cellule su cui sono fissati: istamina, serotonina, eparina, piastrine - un fattore attivante, prostagladine e leucotrieni. Queste sostanze determinano il tipo immediato di clinica di reazione allergica. Dopo il contatto con un allergene specifico, le manifestazioni cliniche della reazione si verificano dopo 15-20 minuti. Le reazioni allergiche immediate includono: shock anafilattico; angioedema; angioedema; orticaria.

2. Reazione allergica di tipo II (tipo citotossico). Caratterizzato dal fatto che gli anticorpi si formano sulle membrane cellulari dei loro stessi tessuti. Gli anticorpi sono rappresentati da Jg M e Jg G. Gli anticorpi si combinano con le cellule modificate del corpo con gli antigeni fissati sulle membrane cellulari. Ciò porta alla reazione di attivazione del complemento, che causa anche danno cellulare e distruzione, seguita dalla fagocitosi e dalla loro rimozione. Secondo il tipo citotossico, si sviluppa l'allergia alla droga.

3. Reazione allergica di tipo III - tipo immunocomplesso - danno tissutale da immunocomplessi - tipo Arthus. La reazione si verifica a causa della formazione di immunocomplessi dell'antigene con immunoglobuline come Jg M e Jg G. Questo tipo di reazione non è associato alla fissazione di anticorpi sulle cellule. I complessi immunitari possono formarsi localmente e nel sangue. Il tessuto più comunemente colpito con una rete capillare sviluppata. L'effetto dannoso si realizza attraverso l'attivazione del complemento, il rilascio di enzimi lisosomiali, la generazione di perossidazione e il coinvolgimento del sistema kinin. Questo tipo è leader nello sviluppo di malattie da siero, allergie a farmaci e cibo, malattie autoallergiche (artrite reumatoide).

4. Reazione allergica di tipo 4, tipo ritardato (ipersensibilità cellulare).

Gli allergeni (antigeni), quando ingeriti, sensibilizzano i linfociti T, che quindi svolgono il ruolo di anticorpi. Quando l'allergene viene reintrodotto nel corpo, si combina con i linfociti T sensibilizzati. Allo stesso tempo, vengono rilasciati i mediatori dell'immunità cellulare, le linfochine (citochine). Causano l'accumulo di macrofagi e neutrofili nel sito di ingresso di antigeni. Un tipo speciale di citochine ha un effetto citotossico sulle cellule su cui è fissato l'allergene.

La distruzione delle cellule bersaglio si verifica, si verifica la fagocitosi, aumenta la permeabilità vascolare e si forma un'infiammazione acuta. La reazione si sviluppa dopo 24-28 ore dal contatto con l'allergene. Gli allergeni possono essere degli apteni quando materie plastiche, batteri, funghi e virus entrano in contatto con sostanze medicinali.

Il tipo di reazione cellulare è alla base delle infezioni virali e batteriche (tubercolosi, sifilide, lebbra, brucellosi, tularemia, asma infettiva-allergica, immunità antitumorale, stomatite allergica da contatto, cheilite).

Tipo di allergia 2 e 3

Cos'è l'allergia agli occhi e cosa fare

Per il trattamento delle allergie, i nostri lettori usano con successo Alergyx. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

L'allergia agli occhi è una malattia comune, i cui sintomi, a seconda dello stimolo, sono stagionali o per tutto l'anno.

Spesso l'infiammazione allergica della congiuntiva (mucosa oculare), chiamata congiuntivite allergica, è combinata con rinite allergica, dermatite e asma bronchiale.

Cause di radice

L'allergia agli occhi si sviluppa in risposta al contatto con una sostanza irritante.

Gli agenti allergici possono essere:

  1. polline delle piante;
  2. polvere domestica;
  3. peli di animali domestici;
  4. cosmetici decorativi;
  5. composti chimici volatili (in produzione);
  6. bassa temperatura dell'aria;
  7. chirurgia (reazione allergica a materiali di sutura o danni ai tessuti);
  8. infezione (la reazione si verifica in risposta al contatto con batteri e virus);
  9. farmaci;
  10. effetti fisici (azione ultravioletta, irritazione meccanica con lenti a contatto).

Allergia agli occhi - un segno di altre malattie

L'infiammazione allergica si sviluppa in risposta all'esposizione a sostanze che nella maggior parte delle persone non provocano reazioni avverse.

In determinate condizioni, queste sostanze iniziano a essere percepite dal corpo come irritanti (allergeni) e, in risposta all'irritazione, inizia la produzione di anticorpi contro il sistema immunitario.

Quindi, una reazione allergica indica un fallimento nel sistema immunitario umano.

Insieme ai disturbi immunitari, una predisposizione genetica è considerata un fattore predisponente allo sviluppo di allergia: se c'è una malattia nei parenti di sangue, aumenta il rischio di sviluppare un'allergia in una persona.

L'infiammazione allergica si sviluppa sia sul guscio esterno che sul guscio interno dell'occhio.

A seconda della localizzazione del processo patologico, dei sintomi e del tipo di allergene, le malattie allergiche negli occhi sono classificate in diversi tipi.

Congiuntivite papillare

La congiuntivite allergica si sviluppa spesso nelle persone che correggono la vista con le lenti a contatto.

Evocare lo sviluppo della reazione o le lenti a contatto a contatto con la mucosa dell'occhio, o la soluzione salina, che viene utilizzata per la cura delle lenti.

Tipicamente, la manifestazione clinica della malattia è la formazione di piccoli follicoli - tubercoli sulla congiuntiva della palpebra superiore.

  • arrossamento delle mucose;
  • gonfiore;
  • punta all'erosione della cornea.

La comparsa di tali sintomi richiede la sostituzione immediata del prodotto per la cura delle lenti o il rifiuto del loro uso.

Dermatite da contatto

La dermatite da contatto si verifica a causa di irritazione delle mucose:

  • cosmetici decorativi di bassa qualità (ombretto, mascara);
  • unguenti medicinali durante il trattamento delle malattie della pelle sul viso.

Gonfiore e arrossamento delle palpebre, piccole eruzioni cutanee intorno agli occhi sono le principali manifestazioni della dermatite da contatto.

cheratocongiuntivite

L'infiammazione si sviluppa spesso in ragazzi di 5-12 anni (che sono associati all'instabilità ormonale), caratterizzata da un decorso cronico persistente e debilitante.

Spesso la cheratocongiuntivite si sviluppa sullo sfondo della neurodermite e nei pazienti con dermatite atopica.

La congiuntiva e la membrana corneale sono coinvolte nel processo infiammatorio.

  • annebbiamento e arrossamento della congiuntiva;
  • forte prurito;
  • visione ridotta

Forma di primavera

L'allergia primaverile si sviluppa in una stagione calda in condizioni climatiche appropriate (ad esempio, in zone dove i venti secchi costanti iniziano a soffiare con l'inizio della primavera).

Molto spesso la malattia si verifica nei bambini di 4-10 anni, molto raramente - nelle persone di età superiore a 25 anni.

Per la congiuntivite primaverile è caratteristica:

  • arrossamento della sclera;
  • edema palpebrale;
  • secrezione di secrezione appiccicosa;
  • prurito debilitante;
  • l'ipersensibilità alla luce si sviluppa;
  • lacrimazione;
  • La membrana corneale può essere coinvolta nel processo infiammatorio.

Infiammazione allergica della congiuntiva

L'infiammazione della congiuntiva si sviluppa come manifestazione di una reazione allergica del corpo a uno o un altro allergene, insieme ad altri sintomi: rinite allergica, tosse secca.

Tipo di droga

L'allergia al farmaco può verificarsi dopo l'applicazione di qualsiasi farmaco medico.

La reazione si sviluppa in modo acuto - durante il giorno successivo al primo apporto di farmaci, e può assumere una forma cronica nell'arco di diversi giorni o settimane (con l'uso a lungo termine del farmaco).

L'allergia provoca il componente principale del farmaco o degli eccipienti - conservanti, stabilizzanti.

infettivo

La forma infettiva si sviluppa come reazione allergica alla congiuntivite acuta quando interagisce con agenti infettivi batterici e di altro tipo.

  • irritazione del bulbo oculare;
  • gonfiore delle mucose;
  • scioltezza;
  • impasto.

cronico

Tra le cause delle persistenti allergie croniche agli occhi si può distinguere la sensibilità a:

  1. prodotti alimentari;
  2. prodotti chimici domestici;
  3. cosmetici decorativi;
  4. polvere di casa;
  5. peli di animali domestici;
  6. mangime secco per pesci.

La congiuntivite allergica cronica non è acuta, accompagnata da bruciore periodico moderato e prurito agli occhi.

Come sono i sintomi

Una reazione allergica acuta si sviluppa nella gamma da 2-3 ore a un giorno, la forma cronica - da diversi giorni a diverse settimane.

L'infiammazione colpisce entrambi gli occhi, tranne nei casi in cui l'allergene è entrato in un solo occhio.

I principali sintomi dell'allergia oculare:

  • sensazione di bruciore;
  • prurito agli occhi;
  • arrossamento, infiammazione, gonfiore delle palpebre;
  • affaticamento degli occhi;
  • fotofobia e lacrimazione (in forme gravi di infiammazione);
  • escrezione di secrezioni purulente (con congiuntivite allergica infettiva).

Caratteristiche del decorso della malattia nei bambini

L'allergia agli occhi dei bambini si sviluppa a causa di ipersensibilità a:

  • fattori ambientali (polvere, polline, lana, alcuni prodotti, medicinali);
  • penetrazione di un corpo estraneo nell'occhio;
  • o agenti infettivi (batteri, virus, parassiti, funghi).

Se le palpebre del bambino sono gonfie, il muco è rosso e gonfio, si nota fotofobia e lacrimazione, allora questa è un'allergia.

Un sintomo caratteristico della congiuntivite allergica nei bambini è il forte prurito, costringendo il bambino a spazzolare costantemente gli occhi, il che aumenta solo le manifestazioni della malattia.

diagnostica

In alcuni casi, i sintomi clinici sono pronunciati e quando viene formulata la diagnosi, il medico non ha dubbi.

Ma più spesso, sono necessari test allergologici specifici per confermare la diagnosi:

  1. Prick Prove, applicazione, intradermica, test cutaneo per la scarificazione;
  2. test provocatori nasali, sublinguali e congiuntivali.

I test cutanei sono un metodo diagnostico sicuro e informativo.

Per quanto riguarda i test provocatori, la loro condotta è associata a un rischio per la salute del paziente.

Questi metodi diagnostici sono effettuati con prudenza, solo nel periodo di remissione, sotto la supervisione di dottori.

I metodi di ricerca altamente specifici del laboratorio sono condotti nel periodo di allergie acute.

Il più delle volte per il rilevamento di anticorpi specifici per allergeni nel siero viene assegnato uno studio radioallergosorbente e un saggio immunoenzimatico.

Possono anche essere condotti test di laboratorio di raschiamento congiuntivale per la presenza di eosinofili.

trattamento

La base del trattamento di ogni congiuntivite allergica è costituita da 3 principi:

Per il trattamento delle allergie, i nostri lettori usano con successo Alergyx. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

  1. esclusione del contatto con l'allergene;
  2. trattamento sintomatico farmacologico;
  3. immunoterapia.

Se le allergie oculari non vengono curate, un'infezione batterica o virale si unisce all'infiammazione e le patologie oculari croniche (glaucoma, cheratite, ecc.) Sono esacerbate.

antistaminici

Gli antistaminici per uso interno sono prescritti per forme gravi di congiuntivite allergica con un ciclo da 3 a 6 giorni.

Gli antistaminici di prima generazione causano un effetto collaterale - un effetto sedativo pronunciato, quindi sono prescritti solo come un'eccezione a causa del loro basso costo.

In questo caso, il paziente viene avvertito degli effetti collaterali indesiderati.

Gli antistaminici 2 generazioni non inibiscono il sistema nervoso centrale e non provocano sonnolenza, sono prescritti nella maggior parte dei casi.

Crema e pomata

Le gocce di corticosteroidi, le creme e gli unguenti (idrocortisone, prednisolone, desametasone) hanno un potente effetto antinfiammatorio e antiallergico, ma hanno gravi effetti collaterali - causano atrofia delle membrane oculari.

Nominato solo in corso severo del processo allergico e non si applica per un lungo periodo.

Creme e unguenti antibatterici (eritromicina, tetraciclina) sono prescritti in caso di infezione batterica che si unisca all'infiammazione allergica o nel trattamento della congiuntivite infettiva allergica.

Video: cosa fare quando gli occhi rossi

gocce

Per il sollievo dall'infiammazione allergica si usano colliri di vari meccanismi d'azione, che di solito sono prescritti nel complesso:

  1. colliri antiallergici (allergici, opatanol) riducono la risposta del corpo all'istamina e forniscono un rapido sollievo dei sintomi;
  2. i colliri stabilizzanti della membrana (cromohexal, ottico) prevengono il rilascio di istamina, ma vengono utilizzati per un lungo periodo (l'effetto si verifica dal 10 ° al 14 ° giorno di utilizzo) e non sono adatti per un rapido ritiro dei sintomi.

ricostituente

Poiché lo sviluppo di una reazione allergica è dovuto a disturbi funzionali del sistema immunitario, è consigliabile eseguire un trattamento riparativo.

Assunzione raccomandata di complessi vitaminici, olio di pesce. È particolarmente importante rafforzare la terapia nel trattamento dei bambini.

Alleviare il prurito

Se gli occhi sono molto pruriti di allergie, vi è un marcato rossore e gonfiore, quindi vengono prescritti colliri vasocostrittori (vizin, naftintina, ottile).

Questi rimedi eliminano irritazione e prurito, alleviare il rossore, gonfiore.

A causa dell'effetto a breve termine, vengono applicati una sola volta, come misura di primo soccorso, ma non adatti al trattamento.

I bambini con meno di 6 anni di collirio vasocostrittore sono controindicati.

Rimedi popolari

Per ridurre l'infiammazione e alleviare i sintomi, si consiglia di fare lozioni sugli occhi con decotti o infusi di aneto, timo, camomilla.

Per preparare decotti medicinali, versare 1-2 cucchiai di materie prime medicinali con un bicchiere di acqua bollente, tirare e filtrare. Applicare un batuffolo di cotone imbevuto di brodo per 5-10 minuti agli occhi.

Lavare gli occhi con il succo di aloe vera è un altro modo efficace per ridurre l'infiammazione.

Basta spremere un po 'di succo da un lenzuolo strappato e lavato a fondo, diluire il succo con acqua bollita fredda in ragione di 1:10 e lavare gli occhi con una soluzione 4-6 volte al giorno.

Il trattamento farmacologico e i metodi tradizionali aiutano a ridurre l'infiammazione e ottenere una remissione prolungata.

Ma l'ipersensibilità a questo o quell'allergene rimane, e col passare del tempo, la congiuntivite allergica diventa di nuovo aggravata.

Allergia al pane bianco e nero

motivi

Pane nero

Una reazione allergica al pane nero avviene molto meno frequentemente rispetto al bianco. Il motivo qui sta nel fatto che il pane nero, almeno nella maggior parte dei paesi della CSI, viene cotto dalla segale, in cui il contenuto di glutine è inferiore a quello del grano. E il glutine - è solo la causa principale di una reazione allergica. È interessante notare che nel mondo, secondo le stime dell'OMS, dallo 0,3% all'1% della popolazione soffre di intolleranza al glutine.

In termini di contenuto di glutine, i cereali si trovano nei seguenti luoghi:

In generale, oggi è facile identificare una tale malattia come un'allergia: il pane nero, come già notato, contiene glutine, e in ogni laboratorio, nel determinare allergeni specifici, viene condotta anche un'analisi sulla sua tollerabilità.

L'intolleranza al glutine è chiamata cealicia. Tabella di dieta approssimativa per le persone che hanno questa malattia:

Sul pane bianco

Il pane bianco in termini di allergenicità è più pericoloso del nero. Sostanze che sono nella sua composizione che possono causare una reazione:

  • famigerato glutine;
  • latte (l'allergia ad esso è comune);
  • lievito di birra;
  • uova, burro e margarina;
  • noci, uvetta, sesamo e altri additivi alimentari;
  • stabilizzanti, esaltatori di sapidità e altri additivi chimici artificiali.

Se il problema con il bianco è stato scoperto, ciò non significa che dobbiamo abbandonare completamente il suo uso. Puoi mangiare pane con mais, riso, farina di grano saraceno. Quindi, in termini gastronomici, non dovrebbero sorgere problemi.

sintomi

Nei bambini

Per riconoscere se un bambino è allergico al pane, si dovrebbe prestare attenzione ai seguenti sintomi:

  • sotto forma di orticaria sul corpo del bambino appare rash, arrossamento (il rossore può essere in qualsiasi parte del corpo);
  • il meteorismo inizia o la diarrea (un'allergia al pane nei bambini viene di solito identificata se ha la diarrea, i bambini più grandi hanno flatulenza);
  • il bambino diventa molto capriccioso, irritabile (tuttavia, un tale sintomo può indicare in sé stesso e la presenza di molte altre malattie);
  • il bambino ha l'insonnia;
  • l'appetito si perde anche per il più "delizioso" per il cibo di un bambino (per i dolci, per esempio);
  • dolore addominale.

Se è presente almeno uno dei sintomi, il bambino deve essere immediatamente portato dal medico, in particolare i bambini.

Se un bambino ha una predisposizione alle allergie, è meglio seguire alcune regole:

  • l'allattamento al seno deve essere prolungato il più a lungo possibile (il passaggio dal latte materno al solito può causare gravi reazioni allergiche);
  • rifiutare il pane e qualsiasi cibo basato su di esso, cioè, non per introdurli nella dieta del bambino (questo vale anche per le bevande - lo stesso kvas, per esempio, che contiene anche glutine);
  • armadi, comodini, librerie devono essere chiusi;
  • il più spesso possibile per effettuare la pulizia del sapone bagnato nella stanza;
  • non puoi portare un bambino nei luoghi in cui i cereali crescono, semplicemente mettilo nei campi);
  • trattamento antifungino di tutti gli alloggi - almeno una volta alla settimana (è sufficiente pulire la stanza con clorexidina).

Negli adulti

Negli adulti, i sintomi possono apparire come segue:

  • un odore sgradevole durante la respirazione (questo può anche indicare la comparsa di un'ulcera allo stomaco o la presenza di parassiti nel corpo);
  • asma (di per sé una malattia grave, ma può essere indirettamente connessa non con il cuore, ma con una reazione allergica);
  • Asfissia (una malattia grave in cui è estremamente difficile per una persona respirare).

In generale, i sintomi di un'allergia al pane possono essere molto diversi. Può darsi che la ragione sia completamente diversa. Questo dovrebbe essere preparato.

diagnostica

Il medico può fare una diagnosi specifica solo durante un serio esame endoscopico. Perché? Solo i sintomi di un'allergia ai prodotti da forno sono molto simili ai sintomi dell'avvelenamento infettivo. In termini semplici, se il medico non rileva segni di infezione (intossicazione), nel 90% dei casi ciò significa che il paziente è allergico al pane.

Inoltre, le cliniche condurranno simultaneamente studi sul livello di anticorpi che contribuiscono alla distruzione della transglutaminasi tissutale (anticorpi IgA e IgG). Per fare questo, usa il solito esame del sangue.

È anche possibile condurre un'analisi genetica. Tuttavia, tale analisi può solo indicare una predisposizione alla celiachia, ma non conferma che il paziente abbia una tale malattia. Inoltre, il medico deve scoprire, in particolare, quale prodotto alimentare ha causato l'allergia: pane bianco o pane nero - è davvero difficile per i medici analizzare tali diagnosi.

Trattamento ambulatoriale

Di solito il trattamento ambulatoriale è prescritto quando una persona è in realtà un problema serio con le allergie al pane. Il trattamento ambulatoriale non è lo stesso del ricoverato, cioè una persona avrà solo bisogno di venire in ospedale (clinica) dal medico responsabile e di non giacere lì.

Quindi, il trattamento di allergia ambulatoriale può includere quanto segue:

  • Terapia farmacologica A una persona vengono somministrati farmaci farmacologici contro reazioni allergiche (come "Allergonics"). Possono anche prescrivere rimedi per un allergene specifico.
  • Terapia immunotropica In termini semplici, i medici cercheranno di migliorare l'immunità di una persona in modo che il corpo possa farcela da solo. Uno dei farmaci più usati in questa terapia è l'IMMUNITÀ della droga.
  • Metodi non farmacologici. Con questo di solito capiscono la dieta ipoallergenica, se prendi esattamente il pane, questo significherà che a una persona verrà vietato l'uso di certi tipi di pane.

Trattamento dei bambini

I bambini della malattia descritta sono trattati in modo un po 'diverso. In particolare, è possibile utilizzare i seguenti metodi:

  • autolinfocitoterapia (introduzione di linfociti dal proprio sangue nel corpo del bambino);
  • uso di farmaci antistaminici (questi includono Claritin, Kestin e altri);
  • metodi di trattamento omeopatici.

L'autolinfocitoterapia viene solitamente utilizzata quando le allergie cutanee colpiscono la pelle. In senso figurato, il sangue viene prelevato dalla parte "pulita" del corpo e iniettato con l'aiuto di una normale siringa nella pelle colpita.

L'omeopatia è un modo più o meno efficace per trattare i bambini dalle allergie al pane, ma il processo di trattamento sarà piuttosto lungo. In generale, l'uso di farmaci antistaminici è il trattamento più efficace per bambini e adulti. Tuttavia, hanno gravi effetti collaterali (tali farmaci di solito hanno un effetto negativo sul fegato e sui reni).

Trattamento per adulti

Di solito gli adulti sono allergici alle allergie del pane con tali farmaci come:

  • farmaci antihistaminic (gli esperti consigliano di scegliere medicine della 2a e 3a generazione, di solito consigliato di comprare «Zyrtek» e «Zodak»);
  • steroidi e farmaci immunologici;
  • anti-infiammatori;
  • stabilizzatori di mastociti.

Il farmaco deve essere selezionato rigorosamente individualmente.

Di grande importanza è anche il fatto su quale tipo di pane una persona ha una reazione allergica. Le allergie possono verificarsi in modo diverso: il pane Borodino, ad esempio, può avere una composizione, pane di segale come "Mosca" - un altro pane bianco - il terzo. Ecco perché l'allergia al pane è una delle più pericolose.

Il pane non è un prodotto puro, è fatto da una varietà di ingredienti. Un adulto può essere allergico al lievito, non al glutine. Allora è del tutto possibile per lui mangiare pane non lievitato, da qualunque tipo di cereali e con quali additivi alimentari non sarebbe prodotto.

Rimedi popolari

La medicina informale può offrire una varietà di allergie. Per quanto riguarda l'allergia alimentare, di solito si consiglia di utilizzare quanto segue:

  • decotto (o infusione) di dente di leone e rosa selvatica;
  • decotto di ortica essiccata;
  • mummia;
  • raccolta antiallergica.

Infuso di tarassaco e rosa selvatica facile da preparare. È necessario prendere un cucchiaio della miscela (fiori secchi di dente di leone e rosa canina secca circa una parte uguale) e versare acqua bollente nella quantità di 200 ml. Insiste tutto questo giorno. Se hai bisogno di un volume maggiore, la quantità della miscela deve essere aumentata proporzionalmente.

Mumiyo si dissolve in un litro d'acqua, solo un grammo di questa sostanza. Prendi la bevanda dovrebbe essere di circa 3 settimane, e ogni giorno è necessario bere mezzo bicchiere, spremuto il latte. Maggiore è la percentuale di grassi nel latte, meglio è.

L'ortica secca nella quantità di un cucchiaio viene versata con un bicchiere di acqua bollente e infusa per 30 minuti. Puoi bere il decotto 3 volte al giorno, un bicchiere standard.

In generale, è difficile dire quanto siano efficaci i metodi popolari: non c'erano studi accademici che rispondessero a questa domanda. Tuttavia, molti sostengono che la medicina tradizionale aiuti. I visitatori del nostro sito lasciano ottime recensioni sulla collezione di erbe antiallergiche.

Un punto importante: se consideriamo le bevande alcoliche, quindi se siete allergici al pane, è severamente vietato consumare vodka e birra. Ma il vino - puoi.

effetti

Le conseguenze dell'allergia al "pane" possono essere molto deplorevoli: poco prima della fine della malattia, morte (a causa di uno shock anafilattico). Ma negli adulti e nei bambini, di solito sono molto diversi.

Per i bambini e gli adolescenti, l'allergia al pane è molto più pericolosa: può causare quanto segue:

  • bassa statura;
  • la pubertà nelle ragazze è in ritardo;
  • anemia (molto spesso negli adulti questa è l'unica conseguenza di un'allergia al pane);
  • eruzioni cutanee su glutei, ginocchia, gomiti;
  • ciclo mestruale ritardato, aborti, infertilità, probabilità di avere un bambino con gravi patologie;
  • aumenta significativamente la quantità di enzimi prodotti dal fegato (tuttavia, questa cifra si normalizza quasi immediatamente dopo che una persona si siede su una dieta scelta per lui);
  • osteoporosi.

Negli adulti, le conseguenze potrebbero essere:

  • gonfiore, flatulenza;
  • diarrea e stitichezza (e si alternano sempre);
  • sgabelli sciolti, a volte ci possono essere coaguli di sangue;
  • nausea (il vomito è raro);
  • perdita di appetito.

Come puoi vedere, l'allergia al pane è una malattia davvero pericolosa. Ma con trattamento tempestivo e seguendo una dieta di conseguenze pericolose può essere evitato.

Tipi di reazioni allergiche

Reazioni allergiche immediate

Un tipo immediato di allergia spesso causa: eruzione cutanea, forte prurito e gonfiore. Le reazioni allergiche di tipo immediato sono caratterizzate dalla rapidità dell'inizio della reazione dopo l'assunzione di droghe, cibo e altri contatti con l'allergene. In caso di malattia grave, può verificarsi uno shock anafilattico, che è una minaccia per la vita umana.

Reazioni allergiche del tipo ritardato

L'allergia al tipo ritardato è difficile da diagnosticare, in quanto è un fenomeno cronico in cui gli allergeni tendono ad accumularsi nel corpo. Nella maggior parte dei casi, le reazioni allergiche di tipo ritardato si verificano sullo sfondo di numerosi allergeni.

Reazioni allergiche di tipo 1

La reazione allergica del primo tipo può manifestarsi nelle seguenti forme:

  • rinite;
  • congiuntiviti;
  • dermatiti;
  • eruzione cutanea sotto forma di orticaria;
  • angioedema;
  • asma bronchiale;
  • shock anafilattico.

Reazioni allergiche di tipo 2

Le reazioni allergiche di tipo 2 sono causate dall'ipersensibilità di anticorpi che si attaccano a parti di tessuti che hanno componenti artificiali o naturali. Ad esempio: con malattia emolitica del neonato, allergie ai farmaci.

Reazioni allergiche di tipo 3

Il terzo tipo include reazioni di ipersensibilità in alcuni antigeni in eccesso. Ciò è facilitato dall'immunocomplesso e dalla malattia da siero della nefrite. Durante il processo infiammatorio, c'è una deposizione sulle pareti del flusso sanguigno e, di conseguenza, c'è un danno ai tessuti che causa reazioni allergiche di tipo 3.

La reazione del terzo tipo può verificarsi sullo sfondo:

  • artrite reumatoide;
  • lupus eritematoso;
  • dermatite allergica;
  • glomerulonefrite immunocomplesso;
  • congiuntivite esogena.

Reazioni allergiche 4 tipi

4 tipi di reazioni allergiche caratteristiche di tali malattie:

  • la tubercolosi;
  • brucellosi;
  • asma bronchiale allergico-infettivo, ecc.

Quando si sviluppa l'allergia di tipo 4, gli organi respiratori, il tratto gastrointestinale e la pelle sono più spesso colpiti.

Reazione allergica di tipo 5

Esistono anche 5 tipi di reazioni allergiche in cui gli anticorpi hanno un effetto stimolante sulla funzione delle cellule. Infatti, gli anticorpi specifici sono iperattivi. Tali malattie comprendono la tireotossicosi.

Allergia all'orticaria

Reazione allergica del tipo di orticaria, manifestata sotto forma di vescicole. E allo stesso tempo, è molto difficile stabilire un allergene. Il più spesso appare dopo aver preso medicine, cibo.

L'allergia all'orticaria si manifesta esattamente quando ci sono disordini patologici degli organi interni, e in particolare soffre il sistema nervoso del paziente. Questo risultato si verifica dopo l'esposizione alla luce solare diretta. C'è un'orticaria solare.

Nei casi gravi di reazioni allergiche, dopo l'uso di droghe o alimenti, i medici prescrivono lassativi: antistaminici, calcio gluconato, calcio cloruro, iniettare soluzione di adrenalina e per uso esterno, soluzione di mentolo all'1%, acido salicilico o calendula è molto efficace. Se, tuttavia, non è possibile determinare l'allergene, è meglio prescrivere il digiuno medico sotto la supervisione di un medico.

Metodi di trattamento complessi

Per curare le allergie, è necessario seguire questi passaggi:

  1. eliminare il contatto con possibili allergeni;
  2. assumere i farmaci necessari;
  3. ridurre la sensibilità dolorosa del proprio corpo agli allergeni;
  4. usare i rimedi popolari;

Ci sono allergeni noti in casa. Questi includono funghi, acari nella polvere di casa, l'epidermide di cani e gatti. Nella stanza del paziente è necessario escludere cose di lana: è migliore per metterli nell'armadio. Quando arriva la primavera, aumenta il rischio di allergia. È necessario che le finestre del paziente fossero chiuse, poiché nell'aria ci sono molti allergeni. È necessario indossare oggetti con tessuti naturali, escludere gli animali dall'ingresso e effettuare la pulizia a umido della stanza.

Se trovi un errore nel testo, assicurati di farcelo sapere. Per fare ciò, basta evidenziare il testo con un errore e premere Maiusc + Invio o semplicemente fare clic qui. Grazie mille!

Reazioni allergiche - tipi e tipi, codice ICD 10, fasi

Classificazione delle reazioni allergiche

Una reazione allergica è un cambiamento nelle proprietà del corpo umano per rispondere alle influenze ambientali con esposizioni ripetute ad esso. Una reazione simile si sviluppa come risposta all'effetto delle sostanze proteiche. Più spesso, entrano nel corpo attraverso la pelle, il sangue o gli organi respiratori.

Tali sostanze sono proteine ​​estranee, microrganismi e i loro prodotti metabolici. Poiché sono in grado di influenzare i cambiamenti nella sensibilità dell'organismo, sono chiamati allergeni. Se le sostanze che causano la reazione, si formano nel corpo quando danno il tessuto, sono chiamate autoallergeni o endoallergeni.

Le sostanze esterne che entrano nel corpo sono chiamate exoallergens. La reazione si manifesta con uno o più allergeni. Se è il caso, è una reazione allergica polivalente.

Il meccanismo d'azione delle sostanze che causano allergie è il seguente: dopo l'ingresso iniziale di allergeni, il corpo produce anticorpi, o contro-calore, sostanze proteiche che resistono a un allergene specifico (ad esempio, polline). Cioè, il corpo produce una reazione protettiva.

L'assunzione ripetuta dello stesso allergene comporta un cambiamento nella risposta, che si esprime sia acquisendo immunità (ridotta sensibilità ad una particolare sostanza) sia aumentando la suscettibilità alla sua azione fino alla soprasensibilità.

La reazione allergica negli adulti e nei bambini è un segno dello sviluppo di malattie allergiche (asma bronchiale, malattia da siero, orticaria, ecc.). I fattori genetici svolgono un ruolo nello sviluppo di allergie, che è responsabile del 50% dei casi di una reazione, nonché dell'ambiente (ad esempio, l'inquinamento atmosferico), degli alimenti e degli allergeni presenti nell'aria.

Reazioni allergiche e sistema immunitario

Gli agenti dannosi vengono eliminati dal corpo dagli anticorpi prodotti dal sistema immunitario. Legano, neutralizzano e rimuovono virus, allergeni, microbi, sostanze nocive che entrano nell'organismo dall'aria o con cibo, cellule cancerose, tessuti morti da ferite e ustioni.

Ogni specifico agente è confrontato con un anticorpo specifico, ad esempio, il virus dell'influenza elimina gli anticorpi anti-influenza, ecc. Grazie al lavoro ben regolato del sistema immunitario, le sostanze nocive vengono eliminate dal corpo: è protetto da componenti geneticamente aliene.

Gli organi e le cellule linfoidi partecipano alla rimozione di sostanze estranee:

  • milza;
  • la ghiandola del timo;
  • linfonodi;
  • linfociti del sangue periferico;
  • linfociti del midollo osseo.

Tutti loro costituiscono un singolo organo del sistema immunitario. I suoi gruppi attivi sono i linfociti B e T, un sistema di macrofagi, grazie all'azione di cui sono fornite una varietà di reazioni immunologiche. Il compito dei macrofagi è di neutralizzare parte dell'allergene e l'assorbimento dei microrganismi, i linfociti T e B eliminano completamente l'antigene.

classificazione

In medicina, le reazioni allergiche differiscono in base al momento della loro comparsa, alle caratteristiche specifiche dell'azione dei meccanismi del sistema immunitario, ecc. La più utilizzata è la classificazione in base alla quale le reazioni allergiche sono suddivise in tipi ritardati o immediati. La sua base - il tempo di insorgenza di allergia dopo il contatto con l'agente patogeno.

Secondo la classificazione della reazione:

  1. tipo immediato - appare entro 15-20 minuti;
  2. tipo ritardato - si sviluppa in un giorno o due dopo l'esposizione all'allergene. Lo svantaggio di questa separazione è l'incapacità di coprire le varie manifestazioni della malattia. Ci sono casi in cui la reazione avviene 6 o 18 ore dopo il contatto. Guidato da questa classificazione, è difficile attribuire tali fenomeni a un tipo particolare.

La classificazione basata sul principio di patogenesi, cioè le caratteristiche dei meccanismi di danno alle cellule del sistema immunitario, è molto diffusa.

Esistono 4 tipi di reazioni allergiche:

  1. anafilattico;
  2. citotossico;
  3. Arthus;
  4. ipersensibilità ritardata.

Una reazione allergica di tipo I è anche definita reazione atopica, di tipo immediato, anafilattico o reagin. Si verifica dopo 15-20 minuti. dopo l'interazione di anticorpi-reagenti con allergeni. Di conseguenza, i mediatori (sostanze biologicamente attive) vengono secreti nel corpo, attraverso il quale si può vedere il quadro clinico della reazione di tipo 1. Queste sostanze sono serotonina, eparina, prostaglandina, istamina, leucotrieni e così via.

Il secondo tipo è più spesso associato alla comparsa di allergia ai farmaci, che si sviluppa a causa dell'ipersensibilità ai farmaci. Il risultato di una reazione allergica è la combinazione di anticorpi con cellule modificate, che porta alla distruzione e alla rimozione di quest'ultimo.

L'ipersensibilità del terzo tipo (precipin o immunocomplesso) si sviluppa a causa della combinazione di immunoglobulina e antigene, che in combinazione porta al danno tissutale e alla loro infiammazione. La causa della reazione sono proteine ​​solubili che rientrano nel corpo in un grande volume. Tali casi sono vaccinazione, trasfusione di plasma sanguigno o siero, infezione da funghi di plasma sanguigno o microbi. Lo sviluppo della reazione contribuisce alla formazione di proteine ​​nel corpo con tumori, infezioni da elminti, infezioni e altri processi patologici.

L'insorgenza di reazioni di tipo 3 può indicare lo sviluppo di artrite, malattia da siero, viskulitis, alveolite, fenomeno di Arthus, periarterite nodosa, ecc.

Le reazioni allergiche di tipo tubercolina IV, o infettiva-allergica, cellulo-mediata, rallentata, si verificano a causa dell'interazione tra linfociti T e macrofagi con portatori di antigeni estranei. Queste reazioni si fanno sentire durante la dermatite da contatto di natura allergica, artrite reumatoide, salmonellosi, lebbra, tubercolosi e altre patologie.

Le allergie sono provocate da agenti patogeni di brucellosi, tubercolosi, lebbra, salmonellosi, streptococchi, pneumococchi, funghi, virus, elminti, cellule tumorali, proteine ​​proprie alterate del corpo (amiloidi e collageni), apteni, ecc. -allergico, sotto forma di congiuntivite o dermatite.

Tipi di allergeni

Mentre non c'è una singola separazione di sostanze che portano ad allergie. Fondamentalmente sono classificati in base al percorso di penetrazione nel corpo umano e al verificarsi di:

  • industriale: prodotti chimici (coloranti, oli, resine, tannini);
  • famiglia (polvere, acari);
  • origine animale (segreti: saliva, urina, escrezione delle ghiandole, lana e peli di animali domestici);
  • polline (erba e polline degli alberi);
  • insetto (veleno di insetti);
  • funghi (microrganismi fungini ingeriti con il cibo o per via aerea);
  • medicinali (pieni o apteni, cioè rilasciati a causa del metabolismo dei farmaci nel corpo);
  • cibo: apteni, glicoproteine ​​e polipeptidi contenuti in frutti di mare, miele, latte di mucca e altri prodotti.

Stadi di sviluppo di una reazione allergica

Ci sono 3 fasi:

  1. immunologico: la sua durata inizia dal momento in cui l'allergene viene ingerito e termina con la combinazione di anticorpi con un allergene risorgente o persistente;
  2. patochimico: coinvolge la formazione nel corpo dei mediatori - sostanze biologicamente attive risultanti dalla combinazione di anticorpi con allergeni o linfociti sensibilizzati;
  3. patofisiologico: differisce dal fatto che i mediatori formati si manifestano, esercitando un effetto patogeno sul corpo umano nel suo insieme, specialmente su cellule e organi.

Classificazione ICD 10

La base del classificatore internazionale delle malattie, a cui sono accreditate le reazioni allergiche, è un sistema creato dai medici per facilità d'uso e conservazione dei dati su varie malattie.

Un codice alfanumerico è una conversione della formulazione verbale della diagnosi. Nell'ICD, una reazione allergica è elencata sotto il numero 10. Il codice è costituito da una designazione di lettera in latino e tre numeri, che consente di codificare 100 categorie in ciascun gruppo.

Le seguenti patologie sono classificate sotto il numero 10 nel codice, a seconda dei sintomi della malattia:

  1. rinite (J30);
  2. dermatite da contatto (L23);
  3. orticaria (L50);
  4. allergia non specificata (T78).

La rinite, avendo una natura allergica, è ulteriormente suddivisa in diverse sottospecie:

  1. vasomotore (J30.2), derivante da nevrosi autonomica;
  2. stagionale (J30.2), causato da allergie ai pollini;
  3. pollinosi (J30.2), manifestata durante la fioritura delle piante;
  4. allergico (J30.3) derivante da composti chimici o punture di insetti;
  5. di natura non specificata (J30.4), diagnosticata in assenza di una risposta finale ai campioni.

La classificazione di ICD 10 si adatta al gruppo T78, dove vengono raccolte le patologie che si verificano durante l'azione di alcuni allergeni.

Questi includono malattie che si manifestano per reazioni allergiche:

  • shock anafilattico;
  • altre manifestazioni dolorose;
  • shock anafilattico non specificato, quando è impossibile determinare quale allergene abbia causato la reazione del sistema immunitario;
  • angioedema (angioedema);
  • allergia non specificata, la cui causa - l'allergene - rimane sconosciuta dopo i test;
  • condizioni che comportano reazioni allergiche con una causa non specificata;
  • altre malattie allergiche non specificate.

Una reazione allergica di tipo rapido, accompagnata da un decorso grave, è uno shock anafilattico. I suoi sintomi sono:

  1. abbassare la pressione sanguigna;
  2. bassa temperatura corporea;
  3. convulsioni;
  4. violazione del ritmo respiratorio;
  5. disturbi cardiaci;
  6. perdita di coscienza

Shock anafilattico

Lo shock anafilattico si osserva quando l'allergene è secondario, soprattutto quando si somministrano farmaci o quando sono applicati topicamente: antibiotici, sulfonamidi, analgin, novocaina, aspirina, iodio, butadiene, amidopirina, ecc. Questa reazione acuta è pericolosa per la vita e richiede quindi cure mediche urgenti. Prima di questo, il paziente deve fornire aria fresca, posizione orizzontale e calore.

Per prevenire lo shock anafilattico, è necessario non automedicare, poiché un'assunzione incontrollata di farmaci provoca reazioni allergiche più gravi. Il paziente dovrebbe stilare un elenco di farmaci e prodotti che causano reazioni, e presso l'ufficio del medico di segnalarli.

Asma bronchiale

Il tipo più comune di allergia è l'asma. Colpisce le persone che vivono in una particolare area: con alta umidità o inquinamento industriale. Un tipico sintomo di patologia è l'asma, accompagnata da graffi e graffi in gola, tosse, starnuti e difficoltà di espirazione.

Le cause dell'asma sono gli allergeni che si diffondono nell'aria: dal polline delle piante e dalle polveri domestiche alle sostanze industriali; allergeni alimentari, provocando diarrea, coliche, dolori addominali.

La causa della malattia diventa anche suscettibile a funghi, germi o virus. Il suo inizio è segnalato da un raffreddore, che gradualmente si trasforma in bronchite, che a sua volta causa difficoltà nella respirazione. La causa della patologia diventa anche focolai infettivi: carie, sinusite, otite.

Il processo di formazione di una reazione allergica è complicato: i microrganismi che hanno un effetto prolungato su una persona chiaramente non compromettono la loro salute, ma formano impercettibilmente una malattia allergica, inclusa una condizione pre-asmatica.

La prevenzione della patologia include l'assunzione non solo di misure individuali, ma anche di quelle pubbliche. I primi sono induriti, eseguiti sistematicamente, smettere di fumare, praticare sport, regolare igiene dell'abitazione (messa in onda, pulizia a umido, ecc.). Tra le misure pubbliche, vi è un aumento del numero di spazi verdi, compresi i parchi, la separazione delle aree urbane industriali e residenziali.

Se la condizione pre-asmatica si è manifestata, è necessario iniziare immediatamente il trattamento e in nessun caso non automedicare.

orticaria

Dopo l'asma bronchiale, l'orticaria è la più comune - un'eruzione cutanea in qualsiasi parte del corpo, che ricorda gli effetti del contatto con l'ortica sotto forma di piccole vescicole pruriginose. Tali manifestazioni sono accompagnate da un aumento della temperatura fino a 39 gradi e malessere generale.

Durata della malattia - da diverse ore a diversi giorni. Una reazione allergica danneggia i vasi sanguigni, aumenta la permeabilità capillare, a seguito della quale, a causa dell'edema, compaiono vescicole.

Il bruciore e il prurito sono così forti che i pazienti possono pettinarsi la pelle prima del sangue, causando infezioni. Le vesciche sono causate dall'esposizione al caldo e al freddo dell'organismo (si distinguono rispettivamente l'orticaria termale e quella fredda), gli oggetti fisici (indumenti, ecc. Da cui origina l'orticaria fisica) e il funzionamento disturbato del tratto gastrointestinale (orticaria enzimatica).

angioedema

In combinazione con l'orticaria, c'è angioedema, o edema di Quincke - una reazione allergica del tipo veloce, che è caratterizzata dalla localizzazione nella testa e nel collo, in particolare sul viso, l'apparizione improvvisa e il rapido sviluppo.

L'edema è un ispessimento della pelle; le sue dimensioni variano da pisello a mela; non c'è prurito. La malattia dura 1 ora - pochi giorni. Forse la sua ricomparsa nello stesso posto.

L'edema di Quincke si verifica anche nello stomaco, nell'esofago, nel pancreas o nel fegato, accompagnato da secrezioni, dolore nella zona del cucchiaio. I luoghi più pericolosi di manifestazione di angioedema sono il cervello, la laringe e la radice della lingua. Il paziente ha difficoltà a respirare e la pelle diventa bluastra. Forse un graduale aumento di segni.

dermatite

Un tipo di reazione allergica è la dermatite, una patologia simile all'eczema e si verifica quando la pelle viene a contatto con sostanze che provocano un tipo ritardato di allergia.

Gli allergeni forti sono:

  • dinitroclorobenzene;
  • polimeri sintetici;
  • resine di formaldeide;
  • trementina;
  • resine polivinilcloruro ed epossidiche;
  • Ursol;
  • cromo;
  • formalina;
  • nichel.

Tutte queste sostanze sono comuni sia nella produzione che nella vita di tutti i giorni. Più spesso causano reazioni allergiche nelle professioni che comportano il contatto con sostanze chimiche. La prevenzione include l'organizzazione della pulizia e dell'ordine nel luogo di lavoro, l'uso di tecnologie avanzate che riducono al minimo il danno delle sostanze chimiche a contatto con gli esseri umani, l'igiene e così via.

Reazioni allergiche nei bambini

Nei bambini, le reazioni allergiche si verificano per le stesse ragioni e con gli stessi segni caratteristici degli adulti. Fin dalla tenera età, i sintomi di allergia alimentare si trovano - si verificano dai primi mesi di vita.

L'ipersensibilità è osservata a prodotti di origine animale (pesce, uova, latte di mucca, crostacei), origine vegetale (noci di ogni tipo, grano, arachidi, soia, agrumi, fragole, fragole), così come miele, cioccolato, cacao, caviale, cereali e t. d.

Le allergie alimentari in tenera età influenzano la formazione di reazioni più gravi in ​​età avanzata. Poiché le proteine ​​alimentari sono potenziali allergeni, i prodotti con il loro contenuto, in particolare il latte di mucca, contribuiscono maggiormente all'aspetto della reazione.

Le reazioni allergiche nei bambini che sono sorte a causa del consumo di un determinato prodotto nel cibo sono diverse, dal momento che diversi organi e sistemi possono essere coinvolti nel processo patologico. La manifestazione clinica più comune è la dermatite atopica - un'eruzione cutanea sulle guance, accompagnata da un forte prurito. I sintomi compaiono per 2-3 mesi. L'eruzione si diffonde al tronco, ai gomiti e alle ginocchia.

Caratteristico è anche l'orticaria acuta - vesciche pruriginose, diverse per forma e dimensioni. Insieme ad esso, appare l'angioedema localizzato sulle labbra, sulle palpebre e sulle orecchie. Ci sono anche lesioni degli organi digestivi, accompagnate da diarrea, nausea, vomito, dolore addominale. Il sistema respiratorio in un bambino non è affetto da isolamento, ma in combinazione con la patologia del tratto gastrointestinale ed è meno comune nella forma di rinite allergica e asma bronchiale. Il motivo della reazione diventa ipersensibilità agli allergeni di uova o pesce.

Pertanto, le reazioni allergiche negli adulti e nei bambini sono diverse. Su questa base, i medici offrono molte classificazioni, dove vengono presi come base i tempi di reazione, il principio di patogenesi, ecc.. Le più comuni malattie allergiche sono lo shock anafilattico, l'orticaria, la dermatite o l'asma bronchiale.

Per Ulteriori Informazioni Sui Tipi Di Allergie